Polizia cantonale - Lucerna
Alcune delle sostanze sequestrate dalla Polizia cantonale di Lucerna.
LUCERNA
27.09.19 - 17:050

Shopping di droghe sul darknet: 50 giovani indagati

I protagonisti hanno tra i 16 e i 21 anni. Numerose le ipotesi di reato a loro carico. Uno shock per molti fra i loro genitori

LUCERNA - Una cinquantina fra adolescenti e giovani adulti sono indagati dalla Polizia cantonale di Lucerna per aver reperito illegalmente attraverso il cosiddetto “darknet” sostanze quali anfetamina, marijuana, ecstasy e medicinali vari.

Una vera e propria rete criminale, quella portata alla luce - dopo mesi di lavoro in cui gli inquirenti lucernesi hanno effettuato diversi arresti e perquisizioni domiciliari -, con protagonisti di età compresa fra i 16 e i 21 anni, perlopiù svizzeri residenti nell’agglomerato di Lucerna. Il Ministero pubblico e la Magistratura dei minorenni hanno aperto diversi incarti che ipotizzano i reati di falsità in documenti, truffa, furto, abuso di un impianto per l'elaborazione di dati, violazione della Legge sugli stupefacenti, violazione delle norme della circolazione e in parte violazione della Legge federale sulle armi.

La notizia - riferisce oggi la Polizia cantonale lucernese in un comunicato - ha scioccato la maggior parte dei genitori coinvolti, che non erano a conoscenza di quanto i propri figli fossero ormai profondamente dipendenti da alcune sostanze. Per qualcuno di questi giovanissimi però il fatto di essere finito sotto la lente delle autorità è stato vissuto come una sorta di “liberazione”, che gli ha permesso di lasciarsi alle spalle la dipendenza sviluppata.

Uno “shopping” pericoloso - Anfetamine, marijuana, ecstasy, benzodiazepine e prodotti a base di codeina (come alcuni sciroppi per la tosse) vengono spesso acquistati illegalmente attraverso il darknet. Il loro consumo, in particolar modo se in combinazione con altre sostanze, può provocare gravi problemi all’apparato polmonare, al punto da portare alla morte per arresto respiratorio o asfissia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
2 ore
Il neonato è morto di coronavirus?
Il piccolo è risultato positivo al virus, ma sarebbe morto a causa di una grave malattia neurologica
ZURIGO
3 ore
Swiss non segue le raccomandazioni per il Covid
Se mostri sintomi da Coronavirus, dovresti poter riprenotare il volo o ottenere un rimborso.
ZURIGO
7 ore
Rubava carte di credito agli anziani, e si comprava di tutto
È arrivata a spendere fino a 10.000 franchi
SVIZZERA
8 ore
Weight Watchers, saltano oltre 100 posti di lavoro
L'obiettivo dell'azienda è di riorientare verso l'online i propri servizi. Secondo Unia, è una misura «brutale»
SVIZZERA
9 ore
Soldati "congedati" nell'operazione Covid-19
Hanno svolto 280 incarichi in tutta la Svizzera. 5'000 militari, 300mila giorni di servizio
SVIZZERA
9 ore
Richiamo per un lotto del farmaco Algifor Liquid Caps
Le confezioni coinvolte contengono un altro medicinale e verranno sostituite gratuitamente
BERNA
11 ore
Kuster: «Morto il primo bambino contagiato da Coronavirus»
I dati odierni: «32 nuovi casi. Il numero più alto della settimana»
SVIZZERA
13 ore
La crisi affligge anche il cioccolato, licenziamenti da Läderach
La chiusura dei negozi e l'assenza di turisti hanno pesato molto sul fatturato dell'azienda
BERNA
13 ore
Duplice omicidio di Spiez: «L'autore sarà internato»
Nel 2013 l'uomo uccise barbaramente il direttore di un istituto pedagogico minorile e la sua compagna.
ZURIGO
14 ore
«Segnalare un problema non è tradimento»
Il Cda dell'ospedale universitario ha deciso di creare una struttura esterna per proteggere i dipendenti che denunciano.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile