Keystone
VALLESE
26.09.19 - 14:080
Aggiornamento : 16:06

«È inconcepibile che non si riesca a trovare la mia Lisa»

La bambina di 6 anni è stata trascinata via dalla frana caduta a Chamoson lo scorso 11 agosto. I suoi genitori parlano per la prima volta del dramma

CHAMOSON - L'11 agosto, la disgrazia ha bussato alla porta di Marion e Stéphane. Durante un temporale, un'enorme frana ha attraversato il villaggio di Chamoson (VS). Sua figlia Lisa, di sei anni, è stata trascinata via mentre si trovava in un'auto assieme a un amico di famiglia. Ad oggi i due mancano ancora all'appello e dell'auto non è stata trovata nessuna traccia.

I genitori della piccola hanno rilasciato un'intervista a Le Nouvelliste. Vogliono impedire che la ricerca delle due persone scomparse venga definitivamente interrotta. «Possiamo accettare che la ricerca sia più selettiva e che vengano impiegati meno mezzi, ma non che siano sospese prima che non sia stato fatto di tutto per ritrovarli. 

«Vogliamo dirle addio» - Per Marion e Stéphane è infatti inimmaginabile abbandonare la figlia. «Non abbiamo potuto dirle addio. Sentiamo il bisogno di quest'ultimo addio, il bisogno di seppellirla in modo da poter guardare avanti», hanno dichiarato al quotidiano vallesano.

E alla domanda su come ci si senta a vivere senza la figlia, danno una risposta commovente: «È un inferno. A casa tutto ci ricorda che nostra figlia. La mente dice che non tornerà, eppure a volte immaginiamo che sarà di nuovo qui. Con la sua risata, la sua gioia di vivere, aspettando che suo padre torni a casa per metterla a letto». 

«Un incubo che non finisce mai» - Lisa amava tutto della vita, secondo i suoi genitori, e questo nonostante soffrisse di diabete. proprio per questo le loro speranze di ritrovarla in vita si sono rapidamente estinte: «Dopo dodici ore senza cibo, sapevamo che era troppo tardi».

La madre si trovava poco distante dalla figlia quando fu spazzata via dalla colata di fango. Nell'intervista parla delle scene orribili a cui ha assistito. Si era diretta verso l'auto per aprire la portiera dalla figlia, ma quando l'ha raggiunta fu catturata dalla corrente e spinta a terra. Pensava che sua figlia fosse al sicuro in macchina. Quando riuscì ad uscire dal fango le fu detto che l'auto era stata trascinata via. «Da allora la mia vita è un incubo. Un incubo che non finisce mai».

Nonostante tutto Marion non incolpa l'uomo che si trovava con la figlia: «Sappiamo che ha fatto di tutto per salvare Lisa», ha detto nell'intervista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
1 ora
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
4 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
5 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
7 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
7 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
ARGOVIA
8 ore
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
9 ore
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
9 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
SVIZZERA
9 ore
Crisi cardiache: per paura del virus si muore a casa
Il picco è stato raggiunto durante il primo lockdown. Una situazione che rischia di ripetersi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile