BASILEA /THAILANDIA
21.09.19 - 20:340

Pedofilo basilese viene graziato dal Re thailandese e si volatilizza

L'uomo era stato condannato a 5 anni e 11 mesi di carcere. Ma la grazia ricevuta nel Paese asiatico, in cui vive da 20 anni, non è valida in Svizzera

BASILEA - Graziato dal Re in Thailandia, ma ancora colpevole per la Svizzera. Ha del grottesco la storia di un pedofilo elvetico - emigrato circa 20 anni fa nel Paese asiatico - raccontata oggi da alcuni quotidiani basilesi. Tutto inizia il 21 agosto 2017, quando l'uomo - originario di Basilea - è stato condannato in Thailandia a 5 anni e 11 mesi di carcere per le violenze sessuali compiute su alcuni ragazzi di meno di 15 anni e per il possesso di pornografia minorile.

Richieste e ricorsi - Tutto risolto? Non proprio. Perché il 4 luglio 2018 - dopo aver trascorso circa dieci mesi in prigione - il pedofilo presenta una richiesta per scontare il resto della sua pena in Svizzera. Richiesta che viene inizialmente respinta  in prima istanza dal Tribunale penale il 5 dicembre dello stesso anno. Il motivo? I giudici hanno rilevato che l'uomo «viveva in Thailandia da più di 20 anni», che «era sposato con una donna thailandese» e «non aveva più alcun legame con la Svizzera». Inoltre il Tribunale ha ritenuto «probabile» che il pedofilo «sarebbe ritornato nel Paese asiatico una volta scontata la pena» e che non sussisteva «alcuna intenzione di rimanere in Svizzera» da parte sua.  L'imputato non ci sta e impugna la sentenza presso il Tribunale cantonale di Basilea Campagna, che il 7 maggio 2019 gli dà finalmente ragione. L'uomo potrà quindi purgare il resto della condanna nelle (più confortevoli) carceri elvetiche. Ma c'è un però. 

Graziato dal re - Lo svizzero, infatti, nel frattempo veniva graziato dal Re della Thailandia con altri 40'000 prigionieri. Una decisione presa per dare respiro alle carceri thailandesi sovraffollate. Da allora, l'uomo è scomparso. Il perdono concesso in Thailandia non cambia però il verdetto svizzero: l'uomo, infatti, dovrà scontare il resto della pena nel nostro Paese e se dovesse ritornare a casa (eventualità più che remota) verrebbe immediatamente arrestato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Estati estreme: 30 anni fa erano l'eccezione, ora sono la norma
Gli uffici meteorologici di Svizzera, Austria e Germania prevedono che il fenomeno proseguirà negli anni a venire.
SVIZZERA
38 min
Sì all'aiuto alla stampa, sulla base della tiratura
Più è importante, minori dovrebbero essere gli sconti: lo pensa la Commissione delle finanze del Nazionale
BERNA
1 ora
Hacker violano i conti Migros e fanno la spesa per decine di migliaia di franchi
I due cybercriminali sono stati fermati dalle autorità bernesi, la mente del piano sarebbe un 22enne
BERNA
1 ora
Donna priva di vita trovata su un versante del Gantrisch
Si tratta di una 44enne bernese la cui salma è stata recuperata con l'aiuto della Rega, si cercano testimoni
BERNA
1 ora
Negli ospedali svizzeri è arrivato il farmaco anti-Covid
Il medicinale può essere utilizzato da subito per il trattamento dei pazienti affetti da Covid
SOLETTA
3 ore
Un positivo in discoteca, 340 persone in quarantena
Aumenta il bilancio di quelli che dovranno restare chiusi in casa per dieci giorni.
SVIZZERA
6 ore
Strade svizzere sempre più cariche
Lo scorso anno sono aumentate le colonne registrate sulle strade nazionali svizzere.
SVIZZERA
6 ore
Non si ferma la progressione dei contagi
Il numero dei casi registrati in Svizzera tocca quota 31'967. I decessi sono 1'686.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Le corse su richiesta tramite app potrebbero diventare realtà
Da settimana prossima AutoPostale utilizzerà un taxi londinese riconvertito per servire la Valle Verzasca
SVIZZERA
7 ore
"No" alla deduzione fiscale per chi sceglie vacanze svizzere
Il Consiglio federale propone di respingere le mozioni presentate da Marco Chiesa e da Franz Ruppen.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile