Keystone
SVIZZERA
01.09.19 - 12:490

Scandalo Autopostale, la Fedpol estende l'inchiesta

Anche tre ex membri della direzione sono sospettati di essere coinvolti nella truffa sulle sovvenzioni

BERNA - L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha esteso a tre ex membri della direzione la procedura penale amministrativa nella vicenda di AutoPostale. Tutti sono sospettati di essere coinvolti nello scandalo della truffa in materia di sovvenzioni.

La decisione è stata presa a fine agosto, ha indicato oggi in una nota Fedpol, confermando un'informazione della SonntagsZeitung. Nel mirino della giustizia figura pure André Burri, che è stato il responsabile del mercato regionale Ovest di AutoPostale Svizzera. In seguito aveva assunto la presidenza della filiale CarPostal France.

Le due altre persone sospettate sono il responsabile del mercato regionale Est nonché l'ex capo del mercato Svizzera. In totale sono sei i quadri dirigenti accusati di truffa in materia di prestazioni. Tra queste v'è anche l'ex direttore di AutoPostale, Daniel Landolf, e l'ex capo delle finanze della Posta, Pascal Koradi.

Rischiano fino a cinque anni di prigione e multe fino a 30'000 franchi. Per tutte le persone coinvolte vige naturalmente la presunzione di innocenza. Lo scandalo della truffa in materia di sovvenzioni era scoppiato nel febbraio 2018, quando il Consiglio federale aveva deciso di affidare a Fedpol una procedura penale amministrativa contro ignoti per fare chiarezza sulle irregolarità riscontrate nei conti di AutoPostale

Interamente riorganizzato - L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) aveva scoperto, durante l'ordinaria attività di revisione del conteggio delle prestazioni, che l'azienda di trasporto della Posta, tra il 2007 e il 2015, aveva effettuato trasferimenti illeciti di utili dal traffico regionale viaggiatori sovvenzionato ad altri settori di attività, ottenendo indebite indennità federali e cantonali. Nel frattempo, AutoPostale ha rimborsato 205 milioni di franchi di sovvenzioni illecite a Confederazione, Cantoni e Comuni.

Inoltre, tutti i membri del consiglio di amministrazione di AutoPostale hanno lasciato il loro incarico. Anche la direttrice generale della Posta Susanne Ruoff ha dato le dimissioni il 10 giugno del 2018. Dal canto suo, AutoPostale si è separata definitivamente da André Burri nel settembre 2018.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
20 min
4'500 soldati per il WEF, così proteggeremo Donald Trump
Il loro compito sarà di tenere praticamente blindato l’intero centro di Davos e tutte le zone limitrofe
ZUGO
3 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
12 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
17 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
SAN GALLO
19 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
GRIGIONI
20 ore
Marcia per il clima verso il WEF
Centinaia di persone sono partite da Landquart. Il messaggio: «L'economia pensi all'ambiente»
VIDEO
VAUD
23 ore
Confessa il piromane seriale che angosciava Concise
Un 54enne, residente proprio nel piccolo comune, è stato arrestato per aver appiccato sei incendi nel canton Vaud negli scorsi mesi
SAN GALLO
23 ore
Girano una scena con le armi, ma le riprese terminano nel sangue
Tre persone sono rimaste ferite ieri mattina in un ristorante di Rapperswil-Jona nel quale una troupe stava effettuando delle scene per un film
SVIZZERA
1 gior
Forze aeree isolate a causa del guasto Swisscom
È successo venerdì, proprio nei giorni in cui sono in corso i preparativi in vista del WEF di Davos
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile