SVIZZERA/FRANCIA
21.08.19 - 18:510
Aggiornamento : 22.08.19 - 08:07

«L'aereo Swiss ha perso dei pezzi di motore»

L'esplosione di uno dei reattori aveva obbligato il pilota del velivolo ad un atterraggio d'emergenza a Charles De Gaulle. Ma le sorprese non erano finite lì...

GINEVRA - Non è stato un tragitto proprio rilassante quello dei passeggeri del volo Swiss LX348 che lo scorso 25 luglio viaggiava da Ginevra a Londra. Mentre sorvolava la Francia, infatti, uno dei motori dell'aereo è esploso e il pilota è stato costretto a effettuare un atterraggio d'emergenza a Parigi/De Gaulle.

Tutto è bene quello che finisce bene? Più o meno. In primo luogo perché il velivolo in questione, un Bombardier A220, era nuovo di pacca. E in seconda istanza, secondo quanto comunicato martedì dalle autorità francesi, di quel motore scoppiato mancano diversi pezzi.

Conclusione: sono caduti a terra, fortunatamente senza ferire nessuno, e potrebbero trovarsi in una foresta a una cinquantina di chilometri da Digione. Per la popolazione l'avviso di fare attenzione: si tratta di frammenti in titanio lunghi anche 30 cm e molto taglienti.

«Se avessero colpito qualcuno l'impatto sarebbe stato letale», conferma a 20 Minuten l'esperto Patrick Huber, «per fortuna è un'eventualità è rara». Quali le cause all'origine dell'esplosione? Gli inquirenti sono ancora al lavoro.

Le indagini del BEA - Il Bureau français d'enquêtes et d'analyses (BEA), incaricato delle indagini, ha lanciato oggi un appello a eventuali testimoni per localizzare i pezzi mancanti. L'organismo francese ha agito «per conto della NTSB», l'ente statunitense responsabile dell'indagine poiché il motore Pratt & Whitney è di progettazione americana. Anche per il BEA è «molto raro» che un aereo perda parti del motore in volo. Il 30 settembre 2017, parte di uno dei motori di un A380-800 in volo da Parigi a Los Angeles è caduta in Groenlandia. Un pezzo di 150 chili è stato recentemente ritrovato sepolto sotto quattro metri di neve e ghiaccio in un crepaccio.

 

Screenshot/BEA
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Equalizer 1 mese fa su tio
Se s'impuntano qui salta fuori un'altro casino, la carcasse del reattore per superare i test d'impiego devono superare una prova che consiste nel trattenere tutte le parti del reattore in caso d'esplosione, prova che all'ora della verità è fallita miseramente. Spero che la BEA abbia il coraggio di farsi valere, i progetti dei nuovi velivoli fatti dalle grandi compagnie sono chiaramente e paurosamente sbilanciati verso il guadagno a scapito della sicurezza, i fabbricanti vanno legati alle loro responsabilità salendo la scala gerarchica senza pietà quando bisogna trovare il responsabile e fargli pagare di persona le conseguenze della loro avidità.
centauro 1 mese fa su tio
@Equalizer Alla luce delle mie scarse conoscenze in materia aeronautica e tecnologica in generale mi sembra piuttosto strano che nel caso di una "esplosione" (non si parla di una contenuta rottura del reattore) i pezzi si possano trattenere aggregati alla carcassa del motore stesso. Comprensibile che un motore a scoppio che si rompe in modo serio in tutte le sue parti meccaniche non lasci segni esterni in quanto funziona a combustione interna ma in un reattore, oltre che essere progettato con materiali ultra leggeri, le parti meccaniche e la camera di combustione sono praticamente esterne e non posso credere che in caso di un grave evento con la totale distruzione del rotore i pezzi possano rimanere trattenuti. Addirittura nell'articolo si legge che un velivolo ha perso un motore caduto in Groenlandia dal peso di 150 kg!
Equalizer 1 mese fa su tio
@centauro Il filmato è di alcuni anni fa ma la procedura rimane più o meno la stessa. https://www.youtube.com/watch?v=W25J_rtIaNg
centauro 1 mese fa su tio
@Equalizer Questo video lo avevo già visto tempo fa, l'esperimento è stato fatto a terra e da come si vede dei pezzi si sono staccati, bisogna però tenere conte di un fattore importantissimo: nel caso che un motore esplodesse in volo, l'attrito dell'aria a velocità elevatissime strapperebbe delle parti con estrema facilità. In ogni caso i frammenti in casi molto rari riuscirebbero a colpire persone nell'area sottostante, il pericolo esiste ma in percentuale bassissima.....per nostra fortuna!
ciapp 1 mese fa su tio
eh nacia bén !!!
francox 1 mese fa su tio
Questo è un articolo che potrebbe anche interessare. Non il furgone che tampona l'auto a Molino nuovo.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
5 ore

L'aggressore 23enne affronta la Polizia. La vittima: «Non vedo più da un occhio»

Il 21 settembre aveva letteralmente spaccato la faccia a un 33enne incontrato in stazione. La polizia, quindi, aveva diffuso le immagini della video sorveglianza

VALLESE
6 ore

Chamoson, l'auto trovata nel Rodano è quella della tragedia

I cadaveri dei due dispersi non sono stati per contro ritrovati nell'abitacolo

SVIZZERA / SPAGNA
9 ore

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

GINEVRA
9 ore

A processo il vicepresidente di Exit Romandia: «Ha aiutato un'86enne a morire»

I fatti risalgono all'aprile del 2017: la donna, in buona salute, aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito gravemente malato

FOTO
ZURIGO
11 ore

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
12 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
12 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
14 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
16 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
17 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile