BERNA
19.08.19 - 22:040
Aggiornamento : 23:04

Richiedente l'asilo ubriaco malmenato dalla sicurezza

La scena è stata ripresa sabato sera alla Wuhrplatzfest a Langenthal. L'agenzia però difende l'operato dei suoi agenti

LANGENTHAL - Momenti di tensione catturati in video sabato notte a Langenthal. Il filmato di un lettore di 20 Minuten mostra alcuni addetti alla sicurezza malmenare un uomo alla Wuhrplatzfest. Probabilmente un richiedente l’asilo, secondo quanto raccontato: «Stava raccogliendo alcuni bicchieri per riscuotere il deposito». I due agenti, infastiditi dal suo comportamento, lo hanno esortato ad allontanarsi dall’area del festival.

«Quando si è rifiutato di andarsene uno degli addetti lo ha colpito con diversi pugni al volto». Alcuni istanti dopo, il secondo agente lo ha preso per il collo, scaraventandolo al suolo. «Lo hanno trattato come un delinquente. Ma voleva solo raccogliere qualche franco». Il fatto non è passato inosservato e non ha mancato di sollevare critiche fra i presenti. L’associazione culturale Chrämerhuus, responsabile dell’organizzazione dell’evento, è al corrente dell’accaduto e si è detta dispiaciuta. «Non era mai successo. Abbiamo sempre avuto buone esperienze» con l’agenzia incaricata della sicurezza, ha confermato, condannando «qualsiasi forma di violenza. In particolare quando mette in pericolo la sicurezza dei nostri ospiti».

«Era ubriaco e disturbava gli ospiti» - La versione dell’agenzia - interpellata da 20 Minuten - racconta una storia differente. Il richiedente l’asilo era «alquanto ubriaco» e avrebbe disturbato diverse donne. «Il mio collega ed io gli abbiamo detto di comportarsi adeguatamente. Mezz’ora dopo però abbiamo ricevuto altre lamentele per il suo comportamento aggressivo». Lo hanno così preso da parte invitandolo ad abbandonare l’area. «Quando ci siamo voltati, ha attaccato il mio collega», non riuscendo però a colpirlo, «probabilmente a causa di quanto aveva bevuto». Quanto accaduto successivamente è ciò che si vede nel filmato.

Una reazione sproporzionata nei confronti di un uomo così ubriaco? «Certo, guardando il video senza conoscere quanto accaduto in precedenza il tutto risulta brutale», ha chiarito l’agente, spiegando che l’utilizzo della forza non era in alcun modo previsto. Inoltre, «secondo alcuni avventori, l’uomo era solito andarsene in giro con un coltello. Per questo lo abbiamo bloccato così».

Successivamente, il richiedente è stato allontanato dalla polizia che lo ha ascoltato prima di rilasciarlo. Nei suoi confronti, ha confermato la Polizia cantonale bernese, non è stata presa alcuna misura.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
11 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
14 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
BERNA
17 ore
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
21 ore
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
ZURIGO
21 ore
BNS, gli averi a vista salgono ancora
Si tratta del sesto incremento consecutivo
ZURIGO
21 ore
Dopo la panne, Swisscom gli offre 1'000 franchi di danni
I recenti guasti si sono conclusi con un indennizzo per un imprenditore. L'operatore: «Solo un gesto di cortesia»
FOTO
VALLESE
1 gior
Cinquant'anni fa la valanga su Reckingen, morirono 30 persone
La neve spazzò case e accantonamenti militari nel piccolo villaggio dell'Alto Vallese
BERNA
1 gior
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
1 gior
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
1 gior
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile