20 Minuten
ARGOVIA
18.08.19 - 21:020
Aggiornamento : 23:01

Bambina aggredita dal padre, la madre: «Ha una tripla frattura al cranio»

La donna ha raccontato che tipo di rapporto aveva con l'ex compagno che ha scaraventato più volte a terra la figlia nei pressi della stazione di Brugg

4 sett fa «Ha sbattuto a terra la bimba più volte. Da lui non me lo sarei mai aspettato»
4 sett fa Padre aggredisce la figlioletta, la piccola è grave

BRUGG - Una bambina di quattro anni è stata aggredita dal padre nei pressi della stazione di Brugg, sabato pomeriggio. La mamma della piccola, Claudia B. (nome noto alla redazione), è ancora scioccata: «Tutto è stato così veloce». La 38enne voleva recarsi in centro con la figlia e la madre quando sono state raggiunte dal suo ex: «Non so come abbia fatto a sapere le nostre intenzioni».

«Voleva che nostra figlia andasse con lui. Ma lei non voleva. Così mi ha accusata nel sottopassaggio di averla influenzata. Io ho spiegato che non potevo obbligarla». Da qui il diverbio di cui molti testimoni hanno riferito.

L’uomo avrebbe preso di punto in bianco la bambina e l'avrebbe sbattuta a terra più volte. «Non mi sono reso conto della situazione - ha continuato la donna - finché mia madre non ha urlato».

Entrambe le donne erano sotto shock. «Fortunatamente, il personale della farmacia ha preso mia figlia e l'ha nascosta. Sono anche molto grata ai due uomini per essere intervenuti per fermarlo, altrimenti probabilmente avrebbe picchiato anche me a morte». Il 50enne iracheno, che ha tentato di fuggire, è stato trattenuto fino all’arrivo della polizia.

La bambina ha subito una tripla frattura del cranio. La polizia ha comunicato che la sua vita non è più in pericolo. La madre non ha dubbi: «Quello che ha fatto a nostra figlia, non potrò mai perdonarlo. Spero che rimanga dietro le sbarre e che non dovremo vederlo mai più».

Secondo la madre, non è la prima volta che l’uomo è stato violento. «Circa tre settimane fa ha picchiato mia madre di fronte a nostra figlia. La odia moltissimo. A me ha tirato uno schiaffo». Da qui si sono rotti i contatti. E questi fatti potrebbero essere alla base del motivo per cui la figlia non voleva più vedere il padre.

La 38enne ha spiegato che l’iracheno vive dal 2000 in Svizzera, ha un permesso di soggiorno B e vive presso l'ufficio di previdenza sociale. Lo ha conosciuto circa cinque anni e mezzo fa, ma da due anni la loro relazione si è interrotta. Da allora, la donna ha la custodia esclusiva. «Per quanto ne so, era già stato in prigione. Inoltre, non ha mai cercato lavoro durante la nostra relazione. L'ho parzialmente sostenuto finanziariamente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore

17enne investita dal treno: «Veniva ogni giorno a comprare un panino»

La ragazza è stata operata e la sua vita non è in pericolo. L'inchiesta dovrà chiarire perché l'adolescente si trovasse sui binari

VAUD
10 ore

Tenta di salvare il suo cane, ma muore affogato

Il corpo è stato ripescato dopo un'ora di ricerche. L'animale è stato tratto in salvo

ZURIGO
11 ore

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

SVIZZERA
12 ore

Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni

Per alcuni di essi questo comporta un aumento della spesa sociale e si rischia di dover aumentare le imposte

SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore

«I prodotti di Wish sono pericolosi»

Lo sostiene il Forum dei consumatori sulla base di test effettuati su diversi articoli. Si rileva anche la presenza di sostanze cancerogene

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile