VALLESE
13.08.19 - 11:070
Aggiornamento : 12:40

Dopo la colata di fango le urla: «Mia figlia è stata portata via»

Il maltempo che ha colpito Chamoson ha rischiato di mietere altre vittime oltre ai dispersi ancora non ritrovati. Gli abitanti del villaggio sono però riusciti a mettere in salvo due donne

SION - Una tempesta di circa dieci minuti ha colpito il Vallese domenica sera. Due veicoli parcheggiati vicino a un fiume sono stati spazzati via da una colata di detriti. Una delle auto non era occupata, ma a bordo dell'altra vi erano un 37enne ginevrino residente nel Vallese e una bimba di 6 anni.

«Intorno alle 18:40 abbiamo udito un rumore terribile. La colata di fango era lì e in alcuni punti raggiungeva i 3 metri d'altezza. Ha portato via due auto. Comprese le persone che vi erano all'interno. È stato come uno tsunami», racconta Elvira Favre, testimone della tragedia.

Due donne sono state tratte in salvo dalla trappola di fango grazie all'intervento di alcuni abitanti del villaggio. Secondo i testimoni, uno dei sopravvissuti stava urlando: «Mia figlia è stata portata via! Mia figlia è stata spazzata via!».

Nonostante le risorse umane e i mezzi messi in campo, a due giorni dall'accaduto non è ancora stata trovata l'auto nella quale vi erano all'interno l'uomo e la bambina. Una cosa sembra certa. Le speranze di ritrovarli vivi sono praticamente pari a zero, come ha ammesso il responsabile della colonna di soccorso Benedict Dorsaz, durante una conferenza stampa tenutasi ieri.

Da domenica, intanto, sono impiegate circa 70 persone (polizia, pompieri, colonna di soccorso, PCI) e importanti risorse quali elicotteri e droni. 

«Ora non ci resta che pregare» - In questa località incastonata tra diverse montagne, l'impatto emotivo per quanto accaduto è rilevante. «In 36 anni qui non avevo mai provato niente di così drammatico. Se anche i soccorsi non credono più nelle possibilità di trovare vivi i dispersi non ci resta che pregare», prosegue un testimone.

Riprese le ricerche - Continuano intanto le ricerche dell'uomo e della bambina. La polizia sta raccogliendo indizi per capire dove sia finita l'auto nella quale i due sono rimasti imprigionati, ha detto oggi un portavoce.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bleniese 12 mesi fa su tio
Grande dispiacere e un abbraccio di solidarietà a quella signora che ha perso gli affetti più cari... Queste tragedie devono farci pensare e incentivare titte le autorità federali, cantonali e comunali ad investire tutto il tempo e i fondi possibili per prevenire ed evitare tutto questo dolore.
Jones Taras 12 mesi fa su fb
Che tristezza..😔😔
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
1 ora
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
2 ore
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
3 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
3 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
4 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
4 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
4 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile