GINEVRA
12.08.19 - 17:290
Aggiornamento : 21:09

Il miliardario Beny Steinmetz imputato per corruzione

Sarà processato dal Tribunale correzionale di Ginevra. È accusato di aver versato tangenti per il rilascio di licenze minerarie nella Repubblica di Guinea tra il 2005 e il 2010

GINEVRA - Il miliardario israeliano Beny Steinmetz, a capo di un impero minerario, sarà processato dal Tribunale correzionale di Ginevra per corruzione di pubblici ufficiali stranieri e falsità di documenti. È accusato di aver versato tangenti per il rilascio di licenze minerarie nella Repubblica di Guinea tra il 2005 e il 2010.

Lo riferisce oggi la procura ginevrina, precisando che Beny Steinmetz dovrebbe comparire in tribunale insieme ad altri due imputati. Il procuratore Claudio Mascotto ha concluso un'indagine avviata nel 2013, che ha richiesto «un'intensa collaborazione con varie autorità straniere», aggiunge il Ministero pubblico cantonale.

I tre imputati sono accusati di aver promesso, a partire dal 2005, «poi versato o fatto pagare mazzette a una delle mogli dell'ex presidente della Guinea Lansana Conté al fine di escludere un concorrente e poi per far concedere al Beny Steinmetz Group Resources (BSGR) i diritti minerari nella regione del Simandou» (sud-est).

All'epoca, una parte consistente dell'attività del gruppo di Beny Steinmetz era condotta da Ginevra. Anche il miliardario israeliano era domiciliato nella città di Calvino. Secondo l'atto di accusa del procuratore Mascotto, l'ammontare delle tangenti versate è di circa 10 milioni di dollari.

La procura sostiene inoltre che i tre imputati hanno falsificato contratti e fatture per nascondere a banche e autorità che il BSGR finanziava il pagamento di tangenti. Parte del denaro è passato attraverso conti in Svizzera. Il tribunale è chiamato in causa quando il pubblico ministero intende chiedere una pena detentiva da due a dieci anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«In arrivo un'ondata di fallimenti»
È cupa la previsione di Heinz Karrer, Presidente di economiesuisse
GLARONA
1 ora
La terra trema ripetutamente nelle Alpi glaronesi
La scossa più forte è stata avvertita nella giornata di martedì
GINEVRA
1 ora
«Covid-19 come la peste, non finirà mai»
«La medicina ha fatto una figuraccia; sbagliato dare agli scienziati un credito illimitato».
VAUD
10 ore
Con l'app di tracciamento l'attenzione sulla Svizzera è alta
Il sistema decentralizzato DP-3T attira l'attenzione di molti paesi per la protezione della privacy
SVIZZERA
12 ore
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
SVIZZERA
17 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
18 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
18 ore
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
GINEVRA
19 ore
EasyJet: «I dipendenti sono sotto shock»
I sindacati deplorano l'annuncio, definito «brutale», della soppressione degli impieghi
SVIZZERA
19 ore
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile