ARGOVIA
08.08.19 - 18:520

Tragedia sul treno, «il macchinista non avrebbe potuto vederlo»

Philippe Thürler, del Sisi, ha parlato dell’incidente avvenuto il 4 agosto, dove un controllore ha perso la vita schiacciato dalle porte

BADEN - Durante la notte di domenica il Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza è stato informato dell’incidente che ha causato la morte di un capo assistenza clienti delle FFS, di 54 anni. 20 Minuten ha intervistato l’esperto del Sisi Philippe Thürler. 

Cosa è successo a Baden la notte del 4 agosto? 
«C’è stato un problema con la quinta carrozza. Il sistema di chiusura di sicurezza ha avuto un malfunzionamento e la porta ha colpito il controllore. Questa è la conclusione a cui siamo giunti domenica mattina». 

Quale tipo di treno era? 
«Si tratta di un treno per pendolari con locomotiva Re 460, 9 vagoni e carrozza pilota Typ RW IV, che sono più vecchie (sono state fabbricate dal 1985 al 1990). Il treno non ha un sistema che impedisce la partenza se la porte non sono chiuse. Questo avviene invece in tutti i nuovi modelli». 

Il macchinista avrebbe potuto vedere il suo collega rimasto intrappolato prima di partire? 
«No, non poteva vederlo. Il treno è lungo 250 metri, per un totale di dieci vagoni. Il macchinista riceve un messaggio dal capotreno, che indica che il treno è pronto per la partenza. Se la luce delle porte si spegne in cabina, significa che tutte le porte sono chiuse. Quindi può partire». 

Quanto è andato lontano il treno?
«Posso solo confermare che il controllore è stato trascinato. Il treno si è fermato dopo che il macchinista è stato informato dal centro di controllo». 

Ci sono stati incidenti simili in passato? 
«Sì, tra il 2008 e il 2011, ma non esisteva ancora la spia in cabina che mostra quando le porte sono tutte chiuse. I casi non possono quindi essere confrontati». 

Quando sarà disponibile il rapporto sull’incidente? 
«L’indagine è ancora aperta. Ora bisogna chiarire perché non ha funzionato il sistema di sicurezza. Se dovessimo rilevare dei difetti, forniremo all’Ufficio federale dei trasporti una raccomandazione di sicurezza».

Anche i passeggeri potrebbero rimanere incastrati? 
«Teoricamente sì. Ma il rischio per i viaggiatori è minore. Il capotreno chiude le porte e fa un controllo. In ultimo chiude la sua porta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
Un ordigno inesploso crea il caos a Hinwil
La munizione si trovava nel centro logistico dell'esercito ed è stata messa in sicurezza e rimossa in serata dagli specialisti. L'area è stata off-limits per almeno mezz'ora
FOTO
ZURIGO
16 ore
Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»
Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso
FOTO
LUCERNA
16 ore
Vola nel burrone e ne esce illeso
È andata di lusso al conducente di un furgone che questa mattina è stato protagonista di un incidente avvenuto a Entlebuch
SVIZZERA
17 ore
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
18 ore
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
20 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
20 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
20 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
21 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
21 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile