Keystone
VAUD
19.07.19 - 12:560

Il TF conferma la condanna all'imam di Winterthur

I giudici federali danno inoltre ragione alla giustizia cantonale, giunta alla conclusione che i passaggi controversi del sermone costituiscono una pubblica istigazione a un crimine o alla violenza

LOSANNA - Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un imam somalo della moschea An'Nur di Winterthur, condannato nel canton Zurigo per istigazione alla violenza a 18 mesi di carcere con la condizionale e all'espulsione dalla Svizzera per 10 anni.

Il 21 ottobre 2016 l'imam, all'epoca 25enne, aveva affermato in un sermone tenuto davanti a una sessantina di fedeli riuniti nella moschea, poi chiusa definitivamente, che i musulmani che non pregano nella comunità devono essere «banditi, respinti, evitati e calunniati fino a che non vi ritornino». Nel caso dovessero perseverare con questo comportamento, andrebbero addirittura uccisi.

Per quelle frasi l'africano - un richiedente asilo in un primo tempo ritenuto etiope e poi rivelatosi somalo - era stato condannato nel novembre 2017 in primo grado a 18 mesi di detenzione con la condizionale e a 10 anni di espulsione. Nel novembre 2018, la decisione è stata confermata in appello dal Tribunale superiore zurighese. Lo scorso 4 maggio, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ne ha annunciato l'avvenuta espulsione in Somalia.

In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale (TF) respinge il suo ricorso contro la condanna. Contrariamente a quanto pretende l'interessato, i giudici di Losanna ritengono attendibile la traduzione del sermone fatta da una interprete. Per il TF non esiste alcun indizio che la traduttrice sia stata parziale. Durante il suo intervento l'imam era stato filmato da un privato e una perquisizione aveva permesso di trovare la versione scritta del sermone sul computer dell'imputato.

I giudici federali danno inoltre ragione alla giustizia cantonale, giunta alla conclusione che i passaggi controversi del sermone costituiscono una pubblica istigazione a un crimine o alla violenza secondo l'articolo 259 del codice penale.

La moschea An'Nur (la Luce), chiusa definitivamente nel giugno 2017, era ripetutamente finita sotto i riflettori della cronaca come luogo di radicalizzazione islamista. Secondo varie fonti, sarebbero almeno cinque i ragazzi partiti dalla città zurighese verso la Siria per la jihad, la guerra santa islamica, nelle file dell'Isis.

Il 22 novembre del 2016, due suoi frequentatori vennero picchiati e minacciati quali "traditori" da un gruppo di fedeli, convinti che avessero trasmesso a un giornalista il testo del controverso sermone tenuto il mese prima dall'imam africano. Il tribunale distrettuale di Winterthur ha condannato in prima istanza il 23 ottobre 2018 otto giovani fra i 17 e i 24 anni d'età a pene detentive con la condizionale per una serie di accuse che comprendono il sequestro di persona, le lesioni personali, la coazione e le minacce, mentre a un imam 54enne ha inflitto una pena pecuniaria, essa pure con la condizionale. Il pubblico ministero, che chiedeva pene più severe, ha presentato ricorso in appello.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
UBS: il piano di Ermotti è di rimanere in carica fino al 2021?
Completando così 10 anni da CEO. In 8 anni alla guida di Ubs il manager ha guadagnato come un ticinese in 1400 anni
SVIZZERA
2 ore
Prima disoccupati, poi precari
Una persona su due dopo la disoccupazione trova un impiego pagato peggio, a tempo parziale o su chiamata. Lo dicono i dati dell'UST
FOTO E VIDEO
SAN GALLO
3 ore
È morta la donna travolta dal Piranha dell’esercito
L’auto sulla quale si trova l’anziana si è scontrata con un blindato. Illesi invece i militari
SVIZZERA
4 ore
Se la ricerca di lavoro è lunga, ecco come farcela al meglio
Stando a uno studio recente della compagnia di recruting americana Randstad, il tempo medio di ricerca di un nuovo lavoro si attesta attorno ai 5 mesi
ZURIGO
5 ore
Guasto all'Eurocity: passeggeri evacuati e oltre 3 ore di ritardo
Il treno proveniente da Milano si è fermato poco prima delle 19.00 nei pressi di Sihlbrugg paralizzando la tratta ferroviaria tra Zugo e Thalwil
GRIGIONI
13 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
BASILEA CITTÀ
14 ore
L'identikit del serial-killer svizzero: uomo, adulto, incensurato e sposato
Lo hanno stilato degli esperti basilesi che hanno preso in considerazione 33 assassini plurimi, e i risultati sono davvero sorprendenti
URI
18 ore
Colpo di sonno sull’A2, si ribalta con il furgoncino
Illeso il conducente ma i danni sono notevoli: circa 20mila franchi
SVIZZERA
19 ore
L'onda verde non travolge gli Stati
I ballottaggi di oggi - con la sola eccezione del Ticino - si sono svolti all'insegna della stabilità
SVIZZERA
1 gior
L'ex ceo della Posta Susanne Ruoff è passata ad Ascom
Sarà membro esterno di un gruppo di lavoro incaricato di accelerare la trasformazione del gruppo tecnologico zughese
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile