keystone
+ 1
BERNA
19.07.19 - 07:360
Aggiornamento : 07:55

Vent'anni fa 21 giovani morivano praticando torrentismo

Un'onda di piena seguita a un nubifragio spazzò via decine di persone che stavano praticando il canyoning nelle gole del Saxetbach

BERNA - Vent'anni or sono la Svizzera visse una delle più gravi tragedie della sua storia: un'onda di piena seguita a un nubifragio spazzò via decine di persone che stavano praticando il canyoning nelle gole del Saxetbach, nell'Oberland bernese. Ventun giovani - 18 turisti, soprattutto australiani e neozelandesi, nonché tre guide - persero la vita. Non mancarono le polemiche.

Il Saxetbach è un torrente che scende di solito tranquillo nella Saxettal verso Wilderswil, presso Interlaken, ma che quel giorno, il 27 luglio 1999, un improvviso - ma non imprevisto - violento temporale trasformò in una trappola mortale.

L'ora del destino scoccò alle 16.30. In quel momento nel greto del torrente si trovavano quattro gruppi con in totale 45 turisti sotto la responsabilità della società Adventure World, che organizzava tour di torrentismo. L'onda improvvisa, che oltre ad acqua portava con sé sassi, tronchi e altro materiale, si abbatté con forza inaudita, trascinando via i componenti dei due primi gruppi e di quelli di mezzo.

Nelle successive ore diversi corpi vennero trascinati dalla corrente, attraverso la Lütschine (corso d'acqua in cui si immette il Saxetbach), finendo nel lago di Brienz. Una vittima non venne mai trovata e manca tuttora all'appello: si tratta di una giovane australiana che era in viaggio di nozze. Si presume che il suo cadavere si trovi, sotterrato dalla ghiaia, sul fondo del lago.

Subito dopo la tragedia nacquero accese discussioni sulle responsabilità dell'accaduto. La gente del posto fece sentire la sua voce: gli organizzatori - così veniva detto - avevano ignorato gli avvertimenti di chi ricordava loro come in caso di temporali a monte la situazione nella gola cambiasse in modo drammatico e repentino.

Due anni e mezzo dopo la catastrofe, nel dicembre 2001, si tenne il processo ai presunti colpevoli: otto gli imputati. Due guide vennero assolte, mentre sei responsabili dell'impresa furono riconosciuti colpevoli di omicidio colposo e condannati a pene di qualche mese, sospese, e a multe.

L'azienda Adventure World era nel frattempo fallita, dopo un altro tragico incidente: il 13 maggio 2000 un 22enne si sfracellò al suolo a Stechelberg, nell'Oberland bernese, in seguito a un salto con l'elastico da una cabina della funivia dello Schilthorn. La fune che avrebbe dovuto trattenerlo era risultata troppo lunga.

La catastrofe di Saxetbach e altri incidenti portarono a una profonda riflessione sugli sport pericolosi, un settore all'epoca in piena espansione nell'Oberland bernese e rimasto tuttora molto dinamico. Le regole sono cambiate, le normative inasprite: nel 2014 è fra l'altro entrata in vigore la legge federale concernente l'attività di guida alpina e l'offerta di altre attività a rischio, che fissa dei paletti in questi campi.

keystone
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
36 min
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
50 min
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
2 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
3 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
3 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
3 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
4 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
GINEVRA
4 ore
È il grande giorno del Léman Express
La rete - sulla quale circoleranno 240 treni al giorno - viene inaugurata oggi. Fra tre giorni sarà aperta al pubblico
SVIZZERA
6 ore
La ripresa congiunturale? Solo nel 2021
Gli esperti della SECO pronosticano che il PIL continuerà a crescere anche l'anno prossimo (+1,7%) e quello seguente (+1,2%)
SVIZZERA
6 ore
Clorotalonil, scatta il divieto in tutto il Paese
L'UFAG ha revocato l'autorizzazione ai prodotti fitosanitari contenenti il fungicida. L'utilizzo sarà vietato dal prossimo 1° gennaio
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile