Tipress (archivio)
Quello del 2018 è un tragico record per gli ultimi anni. Nel 2015 gli incidenti mortali furono due.
SVIZZERA
09.07.19 - 12:160

Cinque operai morti sui binari nel 2018, le FFS nel mirino

I sindacati puntano il dito sui processi produttivi dell'ex regia federale. L'azienda però respinge le critiche

BERNA - Cinque operai attivi nella manutenzione dei binari sono morti l'anno scorso sulla rete FFS: i rappresentanti del lavoratori puntano il dito contro i processi produttivi delle Ferrovie federali, ma l'azienda respinge le critiche.

Quello del 2018 è un tragico record per gli ultimi anni: nel 2015 gli incidenti mortali erano stati due, riferisce il "Blick", che al tema dedica oggi un ampio dossier.

Il Sindacato del personale dei trasporti (SEV), per bocca del suo caposettore Urs Huber, critica le Ferrovie federali: nel ramo infrastruttura l'impresa continua a ristrutturare e i dipendenti devono assumere nuovi compiti. «Questo pregiudica la sicurezza dei cantieri». Spesso la pianificazione è carente, occorre poi correggere in un secondo tempo.

Secondo Huber si gioca inoltre con i tempi di lavoro: soprattutto le ditte private prestano poca attenzione ai tempi di riposo. «Questo è pericoloso, perché lavorare mentre di fianco sfrecciano i treni necessita della massima concentrazione». Il minimo errore può rivelarsi fatale.

Anche il caporedattore della rivista specializzata Schweizer Eisenbahn-Revue Walter von Andrian è critico riguardo alle ristrutturazioni in seno alle FFS. «Processi bene oliati vengono gettati alle ortiche e la pressione è fortemente aumentata». Molte conoscenze sono andate perdute. «Le FFS riuniscono sempre più lavoro in tempi sempre più ridotti».

Le Ferrovie federali rimandano le accuse al mittente. Nell'ambito di ogni riorganizzazione la sicurezza è sempre stata al primo posto, ha detto un portavoce al "Blick". Resta però sempre un rischio di fondo: purtroppo non è possibile eliminare completamente gli incidenti sul lavoro. Questi sono comunque diminuiti del 2,8% in media negli ultimi dieci anni.

Per Huber invece la direzione del gruppo guidato dal presidente della direzione Andreas Meyer ha perso il contatto con i suoi operai. «Le FFS si rendono spesso poco conto dell'effetto delle ristrutturazioni sulla base».

In futuro l'impresa appalterà comunque i lavori sempre più spesso all'esterno: entro il 2025 le aziende private avranno la responsabilità delle metà dei cantieri sui binari, spiega il quotidiano. Obiettivo è risparmiare. Secondo la testata questo processo di esternalizzazione difficilmente avrà effetti positivi sulla sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore

17enne investita dal treno: «Veniva ogni giorno a comprare un panino»

La ragazza è stata operata e la sua vita non è in pericolo. L'inchiesta dovrà chiarire perché l'adolescente si trovasse sui binari

VAUD
10 ore

Tenta di salvare il suo cane, ma muore affogato

Il corpo è stato ripescato dopo un'ora di ricerche. L'animale è stato tratto in salvo

ZURIGO
10 ore

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

SVIZZERA
12 ore

Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni

Per alcuni di essi questo comporta un aumento della spesa sociale e si rischia di dover aumentare le imposte

SONDAGGIO
SVIZZERA
13 ore

«I prodotti di Wish sono pericolosi»

Lo sostiene il Forum dei consumatori sulla base di test effettuati su diversi articoli. Si rileva anche la presenza di sostanze cancerogene

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile