20 Minuten
ZURIGO
10.07.19 - 09:460

Aggredita sul bus e picchiata senza motivo

Brutta avventura per una 19enne che è stata malmenata da uno sconosciuto salito alla fermata di Embrach. «Mi ha tirato un pugno in faccia. Ora ho paura a prendere i mezzi pubblici da sola»

ZURIGO - È una brutta e inaspettata avventura quella vissuta sabato 29 giugno da una ragazza di 19 anni che si trovava sul bus diretto all'aeroporto di Zurigo-Kloten. La giovane è infatti stata aggredita e picchiata senza nessun motivo apparente da uno sconosciuto. «Quel ragazzo, che non avevo mai visto prima, è salito alla fermata di Embrach», confida K.L.* a 20 Minuten.

Lo sconosciuto si avvicina alla 19enne e quando le è accanto le rifila un violento pugno sulla faccia. La ragazza, spaventata a morte, cerca di difendersi come può. Tenta di allontanare il suo aggressore con le gambe. Ma lui insiste: «Voleva picchiarmi ancora. Fortunatamente altri passeggeri sono intervenuti per aiutarmi». Lo sconosciuto viene bloccato e fatto scendere a forza dal bus, ma in strada riesce a divincolarsi e a fuggire. La ragazza, da parte sua, viene portata in ospedale: «Sanguinavo dalle labbra e mi faceva molto male la mascella».

La vicenda però non si è conclusa qui. Il fratello della ragazza, furioso, decide di andare a caccia del picchiatore, trovandolo non lontano dal luogo da cui era fuggito. «È riuscito a trattenerlo fino al momento in cui è giunta la polizia che lo ha arrestato». L. non riesce a spiegarsi il motivo della violenza di cui è stata vittima e ha paura di incontrare nuovamente quel ragazzo che nel frattempo è stato rilasciato dalle autorità in attesa della conclusione dell'inchiesta: «Non salgo più sui mezzi pubblici da sola».

*nome noto alla redazione

20 Minuten
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
7 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
9 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
12 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
14 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
14 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
16 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
17 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
18 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile