Keystone (archivio)
I giudici del Tribunale di Horgen hanno dovuto affrontare un processo totalmente indiziario.
ZURIGO
03.07.19 - 18:380

Picchiò e strangolò la compagna, condannato 62enne

il Tribunale distrettuale di Horgen ha condannato oggi a 10 anni di carcere un uomo che nel 2017 uccise la propria convivente ad Adiswil

ZURIGO - Ha maltrattato in modo brutale la sua partner e il giorno successivo l'ha uccisa strangolandola: il Tribunale distrettuale di Horgen (ZH) ha condannato oggi a 10 anni di carcere uno svizzero di 62 anni, giudicandolo colpevole di omicidio intenzionale.

I fatti risalgono all'autunno 2017. La donna - all'epoca 64enne - condivideva con l'imputato un appartamento ad Adliswil, vicino a Zurigo.

Si è trattato di un processo indiziario. L'uomo ha sempre respinto le accuse e in aula ha oggi dichiarato di non avere "alcuna idea" di come la sua convivente abbia riportato le gravissime ferite che ne hanno causato la morte.

La pubblica accusa ha richiesto una condanna a 15 anni di prigione, mentre la difesa si è battuta per il proscioglimento e l'immediata liberazione dell'imputato dalla detenzione preventiva.

I due si conoscevano da una quindicina di anni e avevano seri problemi con l'alcol. La mattina del primo novembre 2017 era stato l'imputato a chiamare la polizia, sostenendo che la compagna giaceva senza vita nel letto dell'appartamento di Adliswil.

Constatando le gravissime ferite sul corpo della donna - un rapporto dei medici legali elencherà diverse fratture, contusioni ed emorragie, come pure la rottura della laringe e di un timpano - gli inquirenti ne ordinarono la carcerazione preventiva.

La donna era morta il 31 ottobre 2017. Secondo l'accusa, la sera precedente l'imputato, ritornando a casa dopo un giro di bevute, aveva trovato la compagna sdraiata nei propri escrementi nel soggiorno dell'appartamento. Ne sarebbe quindi nata una violenta lite nel corso della quale la donna ha riportato gravi ferite, ma non è morta. Lo strangolamento è invece avvenuto il giorno successivo, o a mani nude oppure utilizzando un foulard, secondo l'atto d'accusa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 ore
La Champions nei bar è a rischio di denuncia
Dalla stagione 2021/22 le partite saranno su pay tv. Ma la diffusione di Teleclub negli esercizi pubblici è illegale
VAUD
16 ore
A Morges sospeso il bike sharing a causa dei vandalismi
Si parla di danni per decine migliaia di franchi, almeno 300 bici danneggiate, PubliBike: «Comportamento inspiegabile
FRIBURGO
16 ore
Incidente mortale a Marly
Deceduto l'automobilista 79enne. Un pedone è rimasto leggermente ferito
SVIZZERA
17 ore
Pur di non indossare la mascherina mi faccio il certificato medico
Andare dal medico per chiedere la dispensa. Un fenomeno che sta prendendo piede.
SVIZZERA
19 ore
104 nuovi contagi in Svizzera
Sei le persone finite in ospedale. Nessun decesso nelle scorse ore. 
FOTO E VIDEO
VAUD
19 ore
Dal Poli di Losanna una navicella per pulire lo spazio dai detriti
C'è già l'accordo con l'Agenzia spaziale europea per il lancio di ClearSpace-1 nel 2025
Foto e Video
BASILEA CAMPAGNA
21 ore
Un inferno di fuoco distrugge un'intera area industriale
Difficoltà da parte dei pompieri a domare le fiamme. Diversi locali pericolanti. Enorme dispositivo di uomini sul posto
SVIZZERA
21 ore
Julius Bär aumenta l'offerta per i clienti molto facoltosi
Creata una particolare unità che offrirà investimenti al di fuori dell'attività borsistica tradizionale
SVIZZERA
22 ore
I disoccupati svizzeri monteranno pannelli solari?
L'indagine della Fondazione svizzera dell'energia: il fotovoltaico può creare 14mila posti di lavoro
FOTO E VIDEO
BASILEA CAMPAGNA
1 gior
Complesso industriale in fiamme a Laufen
Un testimone afferma di aver udito cinque esplosioni in contemporanea
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile