Ti Press (archivio)
Nel settembre del 2017 i tre erano stati condannati, tramite decreto d'accusa, per sommossa.
SAN GALLO
01.07.19 - 12:180

Scontri prima della partita, hooligan sconfessati dal TAF

Nel gennaio del 2017 un gruppi di tifosi era sceso dal pulmman per affrontare alcuni tifosi avversari. La federazione ne aveva sanzionati 3 con un divieto di 2 anni

SAN GALLO - Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha sconfessato tre tifosi di hockey: oggetto di un procedimento penale per violenze nei pressi di una pista di ghiaccio, chiedevano di non essere iscritti nel registro degli hooligan (HOOGAN) fintanto che non c'è una sentenza definitiva.

Il 28 gennaio 2017, un gruppo di 52 tifosi erano scesi dal pullman che li accompagnava per affrontare sostenitori di un'altra squadra. Il mese successivo la federazione di hockey aveva deciso il divieto di accesso alle piste per due anni nei confronti di tre di loro.

Nel settembre del 2017 i tre erano stati condannati, tramite decreto d'accusa, per sommossa. Contro questa decisione avevano presentato ricorso. Nel dicembre del 2017 l'Ufficio federale di polizia (fedpol) li aveva informati della loro iscrizione nel registro HOOGAN. I tre si sono appellati al TAF chiedendo che i loro nomi fossero stralciati dalla lista, o per lo meno che venisse scritto che i fatti sono contestati.

In tre sentenze pubblicate oggi, il TAF ricorda che HOOGAN censisce le persone interessate da un divieto a causa del loro comportamento violento durante una manifestazione sportiva. La misura deve essere stata decisa o confermata da un'autorità giudiziaria e deve servire a garantire la sicurezza dell'evento.

Nel caso in questione, iscrizione è stata decisa sulla base del rapporto di polizia legato agli avvenimenti del 28 gennaio 2017, al divieto di ingresso nelle piste e al decreto d'accusa del settembre 2017.

Per i giudici sangallesi, se fedpol dovesse aspettare la fine del procedimento penale, l'iscrizione nel registro HOOGAN non avrebbe più alcun senso poiché il suo interesse risiede proprio nella sua rapidità e nel suo carattere preventivo. Il TAF respinge anche la menzione che i fatti sono contestati.

Riconosce infine che HOOGAN tocca i diritti fondamentali, ma sottolinea che l'accesso a questo registro è molto limitato. Con il loro reclamo i ricorrenti confondono il principio di un'iscrizione, corretta, e l'esito del procedimento penale, ancora incerto, rilevano i giudici. Contro le tre sentenze è possibile ricorrere al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
RUSSIA / SVIZZERA
41 min
Navalny punta il dito contro il Ministero pubblico della Confederazione
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
SVIZZERA
50 min
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
BERNA
1 ora
Spara in strada a Interlaken: arrestato
I colpi sono stati sentiti nel tardo pomeriggio. Fori di proiettile in una vetrina.
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
«Siamo le Maldive della Svizzera»
Dopo due mesi di chiusura, l'hotel Palafitte si appresta a vivere una fantastica estate.
SVIZZERA
11 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
14 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
18 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile