VAUD
20.06.19 - 12:020

Recluta morì per arresto cardiaco, confermata la prescrizione

Il Tribunale federale ha respinto un reclamo dei genitori nei confronti di due medici militari che avevano dichiarato il giovane valido per il servizio nonostante i problemi di cuore

LOSANNA - Niente da fare per i genitori di una recluta morta nel 2012 a Bière, nel canton Vaud. Il Tribunale federale (TF) ha respinto un loro reclamo e confermato che l'azione penale nei confronti di due medici militari è prescritta. Entrambi avevano dichiarato il giovane valido per il servizio, malgrado un problema cardiaco.

Dopo una prima archiviazione, annullata dal TF nel 2017, lo scorso gennaio il Ministero pubblico vodese ha nuovamente archiviato il procedimento per omicidio colposo nei confronti dei medici. I due sono comunque stati condannati a pagare 16'000 franchi ciascuno quale risarcimento ai genitori della vittima.

In marzo il Tribunale cantonale vodese ha respinto il ricorso dei genitori contro l'archiviazione, considerando che il caso è prescritto dall'11 febbraio 2018, sette anni dopo gli esami medici svolti al momento del reclutamento della vittima.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF conferma il punto di vista della giustizia vodese. Per la Corte losannese la prima decisione di archiviazione, dell'agosto 2017, non è da considerare come un giudizio di prima istanza. Non poteva quindi interrompere definitivamente la prescrizione, come preteso dai ricorrenti.

Il TF ha pure respinto la richiesta dei genitori, che volevano un risarcimento di circa 52'000 franchi. I giudici non vedono perché i querelanti dovrebbero sostenere maggiori spese rispetto alla difesa, dato che non devono occuparsi dell'istruttoria. A loro avviso la giustizia vodese ha fatto bene a proporne 32'000, pari alla retribuzione più elevata dell'avvocato di uno dei due imputati.

Il 19enne aveva avuto un arresto cardiaco la notte fra il 6 e il 7 luglio del 2012 nella caserma di Bière, quattro giorni dopo aver iniziato la scuola reclute. Trasportato in elicottero all'Ospedale universitario di Losanna (CHUV), era morto dopo una settimana. Sin dall'inizio dell'addestramento, il 3 luglio, aveva avuto disturbi e malessere.

Dall'inchiesta era emerso che, durante il reclutamento, il 10 febbraio del 2011, il medico incaricato della visita, aveva constatato anomalie nell'elettrocardiogramma del giovane. Aveva in seguito sottoposto il caso al medico capo del centro di reclutamento.

Visto che il ragazzo non aveva riscontrato problemi in precedenza, il medico capo aveva ritenuto che i risultati delle analisi rientrassero nella norma. Il giovane era quindi stato dichiarato abile al servizio. L'autopsia aveva in seguito evidenziato un grave disturbo del ritmo cardiaco. Per la giustizia vodese il medico incaricato della visita avrebbe dovuto avvertire la recluta del problema.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BERNA
32 min

In migliaia in piazza contro il 5G

Le autorità e il settore delle telecomunicazioni sono accusati di «mettere gli interessi economici al primo posto» e di «mentire al pubblico»

GRIGIONI
40 min

Tragico incidente: muore motociclista 19enne "con la L"

Il ragazzo è caduto mentre affrontava una curva, andando a schiantarsi con violenza contro la barriera di sicurezza

TURGOVIA
1 ora

Si scontra con il furgone e muore

La vittima è un 87enne. Avrebbe svoltato su una strada laterale senza dare la precedenza

SVIZZERA
5 ore

Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra

Migliaia di campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale sembrano essere scomparsi. Sul caso indaga l'Ufficio federale della sanità pubblica

FRIBURGO
5 ore

Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti

Una donna di 71 anni si è scontrata contro un veicolo dell'assistenza stradale che si trovava sulla corsia d'emergenza per prestare soccorso ad un'auto in panne.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile