Depositphotos (VitalikRadko)
VAUD
12.06.19 - 20:070

Alla sbarra per aver accarezzato una 13enne in campeggio

Il 30enne aveva una passione per i minorenni, dimostrata dalle centinaia di foto e video con pornografia infantile presenti sul suo pc

LOSANNA - Quando non si prendeva cura della musica della sua Chiesa evangelica, Eric* finiva su siti pedofili o alla ricerca di immagini con bambini.

Il 30enne - riferisce 20 Minutes - era già stato denunciato per aver postato su Facebook una suggestiva foto della figlia di una coppia della sua comunità religiosa. In seguito la denuncia sporta nei suoi confronti era stata ritirata.

Poi, nel maggio del 2016, mentre era un osservatore in un campo organizzato dalla sua chiesa, aveva spinto una ragazza di 13 anni, non abituata al campeggio, a dormire in un rifugio per rassicurarla. Lì, l'uomo aveva tentato di accarezzarle gli organi genitali.

La ragazzina era quindi corsa a rifugiarsi nella tenda delle sue coetanee. I genitori della vittima, traumatizzati dall'accaduto, avrebbero ottenuto sostegno da parte dei dirigenti della chiesa, incluso il padre dell'accusato.

In seguito all'accaduto la comunità si è divisa molto rapidamente e diversi membri se ne sono andati.

L'interesse dell'accusato verso i bambini è stato confermato dalle sue attività sul web. In cinque anni ha scaricato e scambiato centinaia di file con pornografia infantile. Aveva anche creato il profilo di un finto adolescente, che gli aveva permesso di ottenere da alcune delle 220 ragazze contattate, foto di nudo o video in cui si masturbavano.

Ai giudici vodesi Eric ha detto «di aver agito come un tossicodipendente, senza provare piacere o eccitazione». Il 30enne ha anche lasciato la sua chiesa. Ora in terapia, lavora, e sembra aver capito che il suo comportamento è stato «disgustoso», tanto da scusarsi per questo.

*Nome fittizio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
44 min

Aveva nascosto dati di clienti americani, multa per Bonhôte

L'istituto bancario dovrà pagare 1,2 milioni di dollari, dopo aver versato 624'000 franchi nel 2015. Nell'ambito del programma di regolarizzazione fiscale, aveva tenuto celati 8 conti

SVIZZERA
50 min

Il 5G è più pericoloso del sole?

Attorno al nuovo standard di comunicazione mobile c’è un acceso dibattito. Ecco alcune risposte

SVIZZERA
2 ore

Un calo a tutti i livelli nei sei mesi di Julius Bär

Il 2019 non è iniziato nel migliore dei modi per l'istituto bancario. Utile in diminuzione del 19% rispetto al 2018

BASILEA CITTÀ
4 ore

Quando un incidente ti cambia la vita

La storia di Jérômie, asso del pattinaggio diretto alle Olimpiadi, strappata alla gloria da uno scontro in Vespa: «Ho passato giornate intere a casa sul divano»

ITALIA / SVIZZERA
11 ore

Residente in Svizzera beccato con quasi 10 kg di cocaina nel trolley

Lo stupefancente avrebbe fruttato oltre 2 milioni una volta immesso sul mercato

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile