Keystone (archivio)
GINEVRA
20.04.19 - 21:010

«Un’ora di sesso gratuito per evitare una multa»

Nuove rivelazioni sul caso di corruzione che ha investito la polizia ginevrina. Gli agenti lavorano ancora oggi negli stessi quartieri

GINEVRA - Più membri delle forze dell’ordine sono sospettati di essere implicati in uno scandalo di corruzione che tocca anche il mondo della prostituzioni ginevrina.

All’interno di alcuni postriboli a Pâquis, una ventina di agenti avrebbero trovato un modo di ottenere dei favori sessuali gratuitamente.

A raccontare i fatti è stata Lisa, volto noto nell’ambito della prostituzione a Ginevra, durante la trasmissione “Schweiz aktuell” della SRF. Stando alla sua testimonianza, gli agenti frequentavano più postriboli: «Sono molti i luoghi in questo quartiere in cui hanno la porta per loro era spalancata, per non dire sesso gratuito. Dopo aver discusso con altri proprietari di locali a luci rosse, ci siamo resi conto che per alcuni un’infrazione valeva un’ora o poco più in compagnia di una ragazza. Era il modo in cui si sdebitavano».

Lo scandalo è stato portato alla luce dal sito ghi.ch. La perquisizione di un telefono di un protettore ha svelato numerose foto e video compromettenti, che vedevano protagonisti alcuni agenti che approfittavano di favori sessuali.

Secondo Lisa, la pratica era conosciuta da tempo nell’ambiente: «Attorno al 2010, c’erano più locali a Ginevra che hanno avuto l’opportunità di avere i video dei poliziotti che ricevevano prestazioni sessuali persino nei corridoi».

Il Ministero pubblico ha aperto un’inchiesta. Tuttavia gli stessi agenti continuano a lavorare negli stessi quartieri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min

Credit Suisse: focalizzazione delle unità operative e investimenti nella crescita

Le misure rispondono ai cambiamenti avvenuti sui mercati e consentono l’ulteriore robusta crescita 

SONDAGGIO
SVIZZERA
9 ore

I bus a lunga percorrenza vogliono conquistare la notte

Stentano a decollare i collegamenti nazionali introdotti nel giugno del 2018

FOTO E VIDEO
ZUGO
10 ore

Il re della lotta è Christian Stucki

Il 34enne bernese ha superato in finale il "padrone di casa" Joel Wicki. La tre giorni di Festa federale è stato un successo, anche di pubblico: oltre 420'000 gli appassionati presenti

VALLESE
16 ore

Incidente aereo sul Sempione, tre morti

Il Piper era decollato da un aeroporto vodese e avrebbe dovuto atterrare in Italia. Tra le vittime pure un neonato

SVIZZERA
16 ore

Quando i treni bruciano il rosso

Nel 2018 sono stati ignorati 363 segnali ferroviari: si tratta di un record

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile