Keystone (archivio)
GINEVRA
20.04.19 - 21:010

«Un’ora di sesso gratuito per evitare una multa»

Nuove rivelazioni sul caso di corruzione che ha investito la polizia ginevrina. Gli agenti lavorano ancora oggi negli stessi quartieri

GINEVRA - Più membri delle forze dell’ordine sono sospettati di essere implicati in uno scandalo di corruzione che tocca anche il mondo della prostituzioni ginevrina.

All’interno di alcuni postriboli a Pâquis, una ventina di agenti avrebbero trovato un modo di ottenere dei favori sessuali gratuitamente.

A raccontare i fatti è stata Lisa, volto noto nell’ambito della prostituzione a Ginevra, durante la trasmissione “Schweiz aktuell” della SRF. Stando alla sua testimonianza, gli agenti frequentavano più postriboli: «Sono molti i luoghi in questo quartiere in cui hanno la porta per loro era spalancata, per non dire sesso gratuito. Dopo aver discusso con altri proprietari di locali a luci rosse, ci siamo resi conto che per alcuni un’infrazione valeva un’ora o poco più in compagnia di una ragazza. Era il modo in cui si sdebitavano».

Lo scandalo è stato portato alla luce dal sito ghi.ch. La perquisizione di un telefono di un protettore ha svelato numerose foto e video compromettenti, che vedevano protagonisti alcuni agenti che approfittavano di favori sessuali.

Secondo Lisa, la pratica era conosciuta da tempo nell’ambiente: «Attorno al 2010, c’erano più locali a Ginevra che hanno avuto l’opportunità di avere i video dei poliziotti che ricevevano prestazioni sessuali persino nei corridoi».

Il Ministero pubblico ha aperto un’inchiesta. Tuttavia gli stessi agenti continuano a lavorare negli stessi quartieri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
GIORNATA DELLA BUONA AZIONE
1 ora

Oggi hai già raccolto punti Karma?

È facile aiutare gli altri: Sämi l’ha provato di persona per le strade di Zurigo, addolcendo la giornata di alcune persone. Fatti ispirare!

SVIZZERA
1 ora

«Chi non ha previsto nulla di importante scenda dal treno»

I passeggeri di un Intercity che nell'ora di punta collega Bienne a Zurigo sono stati pregati di scendere. Le FFS si scusano ma motivano l'annuncio con ragioni di sicurezza

VIDEO
BERNA
10 ore

Una rotonda bernese fa impazzire i social

Tante le fotografie e i video apparsi sui social network che ne celebrano l'idea. Richieste sono arrivate anche dal Canada

BERNA
11 ore

Abusa della baby sitter 15enne: «Pratiche disgustose»

Un padre di famiglia è stato condannato a 33 mesi. La ragazzina ha ottenuto 15mila franchi di risarcimento

SVIZZERA
16 ore

Congedo paternità, il Governo respinge anche le due settimane

Per il Consiglio federale anche il controprogetto indiretto all'iniziativa che chiede quattro settimane è da bocciare

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report