Gli investigatori hanno trovato sul suo computer oltre 47.000 immagini e 5000 video di pornografia infantile
BASILEA CAMPAGNA
08.04.19 - 10:480

«Mostrami il tuo pene». Insegnante a processo

Il docente 38 anni circuiva i giovani tramite le chat fingendosi una ragazza. Tra le vittime anche alcuni studenti

LIESTAL - Domani, un insegnante 38enne delle medie dovrà affrontare il Tribunale penale di Basilea Campagna. Il pubblico ministero lo accusa di aver esercitato una forte pressione sui ragazzi, sfruttando le piattaforme di chat, nel decennio che va dal 2003 al 2013. Il docente è accusato, tra l'altro, di molteplici coercizioni, atti sessuali con bambini e pornografia infantile.

Per almeno 10 anni l'uomo ha avuto un unico obiettivo durante le sue navigazioni in rete: ottenere foto e registrazioni video di ragazzi, farli spogliare e ottenere soddisfazione sessuale. Non ha esitato a esercitare pressioni sui bambini per ottenere ciò che voleva. Durante le conversazioni con le sue vittime, secondo l'accusa, non avrebbe esitato a indossare i panni di una ragazza. Se sapeva dell'omosessualità del suo interlocutore, invece, fingeva di essere un ragazzo. E non ha esitato nemmeno quando si trovava di fronte ai suoi studenti.

A volte era Nicole, altre Camilla o ancora Luci. Secondo l'ufficio del procuratore, salvo poche eccezioni, il docente ha sempre ottenuto ciò che voleva: video di bambini intenti a compiere atti sessuali. Era molto esplicito quando invitata le sue vittime a fare ciò che desiderava: «Mostra il tuo pene e masturbati», era uno dei comandi che impartiva più spesso.

Se i bambini tardavano a mostrargli ciò che chiedeva allora iniziava «immediatamente a esercitare pressione non solo insultandoli e deridendoli, ma anche minacciandoli di pubblicare le loro foto su internet o di trasmetterle ad amici e conoscenti», spiega il pubblico ministero. «Prima opzione: mi mandi la foto. Seconda opzione: diventi famoso su Internet», era la minaccia. E le pressioni sulle vittime aumentavano di volta in volta.

Durante i dieci anni l'uomo ha accumulato una quantità enorme di file contenenti pornografia infantile. Nel 2014, gli investigatori hanno trovato oltre 47.000 immagini e 5000 video con questo contenuto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
5 ore
Dipendenti comunali licenziati per essere riassunti
Accade a Losanna. Il nuovo contratto riduce di 10 minuti la giornata lavorativa. E ridotto è pure il salario
SVIZZERA
5 ore
Più di 2000 operatori sanitari infetti in Svizzera
È quanto stabilito da un'indagine dei principali ospedali in tutto il paese
SVIZZERA
7 ore
La disoccupazione di lunga durata raddoppierà nel 2021
Secondo un esperto del mercato del lavoro a incidere negativamente sarà la crisi del coronavirus
BERNA
8 ore
Con il coronavirus è crollata la vendita di vino
Il motivo? I ridotti contatti sociali spingono a consumare meno alcool
ZURIGO
8 ore
Addio al sogno di una casa propria per i prezzi alle stelle
Le differenze tra 20 anni fa e oggi: ora ci si può permettere la metà dello spazio
BERNA
9 ore
L'Onu critica il progetto svizzero contro il terrorismo
La questione è se una detenzione preventiva sia conforme alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo
BERNA
11 ore
Berna assicura: i caccia costeranno meno del previsto
Armasuisse stima spese più basse anche di 6 miliardi rispetto a quanto calcolato dagli oppositori.
BERNA
12 ore
Coronavirus: l'effetto delle misure di contenimento fase per fase
Il Poli di Losanna ha studiato ciò che ha funzionato finora. Incognite sull'effetto della riapertura dei commerci.
BERNA
13 ore
Coronavirus: +17 casi in Svizzera
Non si registra alcun nuovo decesso legato al Covid-19.
BERNA
14 ore
Swisscom: «Ci saranno sempre dei guasti»
Il ceo sottolinea che ogni intervento sulla rete è come un cambio di ruote in corsa: «C'è sempre un rischio».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile