Gli investigatori hanno trovato sul suo computer oltre 47.000 immagini e 5000 video di pornografia infantile
BASILEA CAMPAGNA
08.04.19 - 10:480

«Mostrami il tuo pene». Insegnante a processo

Il docente 38 anni circuiva i giovani tramite le chat fingendosi una ragazza. Tra le vittime anche alcuni studenti

LIESTAL - Domani, un insegnante 38enne delle medie dovrà affrontare il Tribunale penale di Basilea Campagna. Il pubblico ministero lo accusa di aver esercitato una forte pressione sui ragazzi, sfruttando le piattaforme di chat, nel decennio che va dal 2003 al 2013. Il docente è accusato, tra l'altro, di molteplici coercizioni, atti sessuali con bambini e pornografia infantile.

Per almeno 10 anni l'uomo ha avuto un unico obiettivo durante le sue navigazioni in rete: ottenere foto e registrazioni video di ragazzi, farli spogliare e ottenere soddisfazione sessuale. Non ha esitato a esercitare pressioni sui bambini per ottenere ciò che voleva. Durante le conversazioni con le sue vittime, secondo l'accusa, non avrebbe esitato a indossare i panni di una ragazza. Se sapeva dell'omosessualità del suo interlocutore, invece, fingeva di essere un ragazzo. E non ha esitato nemmeno quando si trovava di fronte ai suoi studenti.

A volte era Nicole, altre Camilla o ancora Luci. Secondo l'ufficio del procuratore, salvo poche eccezioni, il docente ha sempre ottenuto ciò che voleva: video di bambini intenti a compiere atti sessuali. Era molto esplicito quando invitata le sue vittime a fare ciò che desiderava: «Mostra il tuo pene e masturbati», era uno dei comandi che impartiva più spesso.

Se i bambini tardavano a mostrargli ciò che chiedeva allora iniziava «immediatamente a esercitare pressione non solo insultandoli e deridendoli, ma anche minacciandoli di pubblicare le loro foto su internet o di trasmetterle ad amici e conoscenti», spiega il pubblico ministero. «Prima opzione: mi mandi la foto. Seconda opzione: diventi famoso su Internet», era la minaccia. E le pressioni sulle vittime aumentavano di volta in volta.

Durante i dieci anni l'uomo ha accumulato una quantità enorme di file contenenti pornografia infantile. Nel 2014, gli investigatori hanno trovato oltre 47.000 immagini e 5000 video con questo contenuto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
13 min
Il fallimento di Thomas Cook costerà 6,5 milioni al nostro turismo?
Lo sostiene Svizzera Turismo che parla di 50'000 pernottamenti generati dalla compagnia britannica ma non ci sarebbe da preoccuparsi troppo
ITALIA
8 ore
Residente in Svizzera travolge e uccide un ciclista
Inutile l'intervento dei soccorsi. Le ferite riportate dal 33enne erano troppo gravi
SVIZZERA
14 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
14 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
15 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
SVIZZERA
16 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
VAUD / ZURIGO
18 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
18 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
19 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
19 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile