La vittima e l'auto che l'ha uccisa.
GRIGIONI
30.03.19 - 08:080

«Nelle sue mani un'auto si trasforma in un'arma»

Un conducente andrà a processo il 2 aprile. Plurirecidivo, dovrà rispondere di un sorpasso azzardato che è costato la vita a una giovane di 26 anni. I genitori: «Non fatelo più guidare»

COIRA - I genitori di Larissa, la giovane morta ad inizio 2017 in un incidente stradale avvenuto tra Domat/Ems e Coira, saranno presenti - martedì prossimo - al processo dell'uomo che ha loro figlia sulla coscienza.

La giovane 26enne ha infatti perso la propria vita una fredda mattina di gennaio di due anni fa. Scaraventata 43 metri lontano dallo scooter su cui viaggiava a causa del sorpasso azzardato compiuto dal conducente di un'automobile. Un volo terribile. Fatale. Morire a 26 anni senza colpa alcuna.

Veloce e positivo al THC - Secondo l'accusa, infatti, il conducente del veicolo che l'ha uccisa viaggiava a 115 chilometri orari su un tratto la cui velocità massima consentita era di  80. Ma non solo. Nel suo sangue era presente una concentrazione di THC «significativamente superiore al valore consentito». Anche se, sentendo lui, «aveva fumato solo una canna il giorno prima».

«Nelle sue mani un'auto è un'arma» - Velocità e droga. Per questo il pubblico ministero grigionese richiede almeno 5 anni di carcere per omicidio doloso. Heinz, il padre della vittima, spera che la pena sarà severa: «Nelle sue mani, un'auto si trasforma in un'arma. Questo incidente avrebbe potuto essere evitato se non gli fosse stata riconsegnata la patente di guida».

Diversi incidenti. Diversi ritiri di patente - L'imputato - come detto - è infatti plurirecidivo e si è visto ritirare la licenza di guida già quattro volte in passato. Dal 1997, l'uomo ha infatti causato tre incidenti stradali con un tragico bilancio: un morto e diversi feriti. Per questo il padre di Larissa è parecchio critico verso le autorità. «Com'è possibile che una persona del genere possa ancora guidare una macchina?». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
50 min
Per due anni ha mostrato il dito medio a un multafot
Si tratta di un ciclista che la polizia è riuscita a fermare dopo ventisette sanzioni
SVIZZERA
7 ore
Stop alle telefonate delle assicurazioni
È stato raggiunto un accordo riguardo al telemarketing come pure per il pagamento di provvigioni agli intermediari
GRIGIONI
7 ore
È stato un WEF «pacifico»
Dal punsto di vista della sicurezza, le autorità forniscono un bilancio positivo del cinquanesimo Forum
VAUD
8 ore
«C'è una bomba», falso allarme all'ospedale di Payerne
Un uomo non identificato ha fatto scattare un importante dispositivo di sicurezza. La polizia: «Nessuno è stato in pericolo»
SVIZZERA
11 ore
«Occorre preparare il terreno per la crescita»
Il compito assegnato alla Banca centrale europea è «garantire la stabilità finanziaria e dei prezzi nell'economia», spiega Christine Lagarde
FOTO
GRIGIONI
11 ore
In pochi in piazza insieme a Greta a Davos
Solo alcune dozzine di attivisti hanno preso parte al flash mob organizzato nella località che ospita il Forum economico mondiale
FOTO
SAN GALLO
13 ore
Fece esplodere una drogheria a Freiburg, lo cercano anche in Svizzera
L'uomo è latitante da mesi, per il suo misterioso attentato dinamitardo potrebbe aver indossato un travestimento
GRIGIONI
13 ore
WEF, spazio aereo violato una sola volta
Un piccolo velivolo da turismo è entrato nella zona "off limits", in territorio italiano, due giorni fa
ZURIGO
13 ore
«I bonus non hanno senso, le banche svizzere sono indietro di anni»
A lanciare l'accusa è un imprenditore olandese di base a Zurigo: «Chi viene per i soldi, se ne va per i soldi»
SVIZZERA
17 ore
Givaudan: vendite e utili in crescita anche nel 2019
Agli azionisti verrà proposto un dividendo di 62 franchi, 2 in più che per l'esercizio precedente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile