Foto lettore 20 Minuten
BERNA
09.03.19 - 08:000
Aggiornamento : 14:24

Donna in fuga, «un inseguimento da film»

Scappata a un controllo la conducente è stata fermata con non poca difficoltà

BERNA - «Mi sentivo come al cinema. Mancavano solo i popcorn», con queste parole un lettore di 20 Minuten ha commentato le scene viste ieri pomeriggio, quando ha assistito in prima persona a un inseguimento selvaggio avvenuto nel quartiere bernese di Stöckacker.

«Stavo lavorando quando ho sentito un'auto che sfrecciava ad altissima velocità, seguita da una macchina della polizia con le sirene accese». Dopo pochi minuti, il testimone ha spiegato che il tutto si è ripetuto, questa volta nella direzione opposta.

Dopo le auto, una corsa a piedi - Dopo qualche minuto il lettore ha improvvisamente sentito un urlo e un rumore di passi. Ha visto una donna con uno zaino che correva e veniva inseguita dalla polizia. «Alla fine un agente si è tuffato e l’ha buttata a terra. Sono intervenuti altri poliziotti. È stato molto brutale». La donna è stata portata via.

Scappata a un controllo - La Polizia cantonale di Berna ha confermato l'operazione a 20 Minuten: «La conducente è sfuggita a un controllo». Da qui è partito l’inseguimento. «La donna ha ignorato diversi segnali stradali ed è finita in una zona pedonale. Quando non ha potuto proseguire è scesa dalla macchina e ha iniziato a correre».

La donna era in stato alterato ed è stata portata in ospedale. Nessuno è rimasto ferito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 sec
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
SVIZZERA
2 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
2 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
4 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
4 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
20 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
21 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
23 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
23 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
1 gior
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile