Lettore
+ 8
VALLESE
20.02.19 - 19:370
Aggiornamento : 21.02.19 - 08:17

Dopo la valanga le piste da sci sono davvero così sicure?

Parla il responsabile di un servizio di soccorso su una pista sciistica a Davos: «Mi gioco la pelle: le piste sono sicure». Ma aggiunge: «La natura è imprevedibile»

CRANS-MONTANA - La notizia della valanga che ha travolto un gruppo di persone sulle piste di sci di Crans Montana ha fatto il giro della rete, e ha aperto il dibattito attorno alla sicurezza. Peter Müller è il responsabile del servizio di salvataggio sulla pista sciistica di Parsenn a Davos, e ha le idee chiare sulla questione: «Senza ombra di dubbio posso dire che gli utenti che frequentano le piste da sci  possono stare tranquilli e sentirsi al sicuro. I gestori degli impianti sono abbastanza sotto pressione per riuscire a mantenere le piste aperte il più a lungo possibile . In ogni stazione si fa il massimo per garantire la sicurezza degli ospiti. Quindi metto tranquillamente la mia mano sul fuoco e garantisco per la sicurezza. Tuttavia una valanga su una pista è quanto di peggio possa accadere.

 Come viene garantita la sicurezza?

In caso di pericolo viene fatta esplodere la valanga oppure viene bloccata la pista. La scorsa settimana ad esempio abbiamo dovuto chiudere la discesa a valle a Davos a causa di una crepa. Dopo tre giorni c’è stata in quel punto una valanga. Per evitare tale rischio si misura più volte al giorno la crescita di una crepa simile.

Un maestro di sci ha tuttavia criticato i gestori dell’impianto di Crans Montana di non aver valutato attentamente la situazione. Secondo lui a causa delle eccezionali temperature primaverili, le piste sarebbero dovute restare chiuse.

Stando alle immagini che ho potuto vedere dubito che la valanga potesse essere evitata. È difficile giudicare solo dalle immagini.

Perché?

Perché in partenza era una piccola slavina che però, durante la discesa ha trascinato con sé sempre più neve. In definitiva non c'era modo di prevedere una cosa come questa. Negli sport invernali, purtroppo, non si può mai parlare di sicurezza assoluta. Stiamo comunque parlando di attività che si svolgono nella natura. Anche sulle piste battute un po' di rischio c'è sempre.

Cosa deve fare uno sciatore minacciato da una valanga?

 C'è solo un comportamento corretto: procedere e non fermarsi mai. Soprattutto adesso che, con questa neve così bagnata, le slavine scendono a valle più lentamente. Se si tratta di una valanga di neve polverosa, invece, le possibilità di riuscire a mettersi al riparo sono davvero esigue.

 A cos'altro dovrebbero prestare attenzione gli appassionati di sport invernali?

Alla segnaletica, che va sempre rispettata. Capita spesso di vedere sciatori che ignorano bellamente i cartelloni e le indicazioni. A volte scavalcano anche le barriere... Non è che le mettiamo lì per divertimento, hanno una funzione!

 

Lettore
Guarda tutte le 12 immagini
4 mesi fa Valanga a Crans-Montana: dimessi due dei feriti
4 mesi fa Valanga: la pista nera resta chiusa. Vietato sorvolare l'area
4 mesi fa Valanga a Crans-Montana, morto uno dei feriti
4 mesi fa Drammatica fuga dalla valanga, ecco il video
5 mesi fa Crans-Montana, le ricerche continuano tutta la notte
5 mesi fa Valanga a Crans-Montana: il primo bilancio è di 4 feriti
5 mesi fa Valanga investe gli sciatori sulla pista a Crans-Montana
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NIDVALDO
1 ora

Guasto alla funivia, turisti riportati a valle in elicottero

150-200 persone sono rimaste bloccate sulla cima dello Stanserhorn a causa di un problema tecnico

ARGOVIA
7 ore

Parla il pescatore: «Ho visto il caimano nel lago»

Per la prima volta prende la parola il testimone che ha visto il rettile nel lago. La polizia: «Diverse segnalazioni, ma escludiamo un’azione di ricerca»

ZURIGO
8 ore

Sul telefono dei ragazzini c'era anche il video di una decapitazione

La polizia zurighese, intervenuta per una rissa, ha scoperto video pornografici e violenti sul cellulare di diversi scolari

SVIZZERA / ITALIA
9 ore

Abbandona l'autobus in autogrill con a bordo ragazzini svizzeri

L'autista si era fermato in un'area di sosta. Ha lasciato le chiavi a un passeggero e se n'è andato in taxi

ZURIGO
12 ore

Trovata un’intera famiglia sterminata nel proprio appartamento 

Il dramma è accaduto ad Affoltern am Albis, nel canton Zurigo. Le vittime sono una coppia e i loro due figli

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile