Lettore
+ 8
VALLESE
20.02.19 - 19:370
Aggiornamento : 21.02.19 - 08:17

Dopo la valanga le piste da sci sono davvero così sicure?

Parla il responsabile di un servizio di soccorso su una pista sciistica a Davos: «Mi gioco la pelle: le piste sono sicure». Ma aggiunge: «La natura è imprevedibile»

CRANS-MONTANA - La notizia della valanga che ha travolto un gruppo di persone sulle piste di sci di Crans Montana ha fatto il giro della rete, e ha aperto il dibattito attorno alla sicurezza. Peter Müller è il responsabile del servizio di salvataggio sulla pista sciistica di Parsenn a Davos, e ha le idee chiare sulla questione: «Senza ombra di dubbio posso dire che gli utenti che frequentano le piste da sci  possono stare tranquilli e sentirsi al sicuro. I gestori degli impianti sono abbastanza sotto pressione per riuscire a mantenere le piste aperte il più a lungo possibile . In ogni stazione si fa il massimo per garantire la sicurezza degli ospiti. Quindi metto tranquillamente la mia mano sul fuoco e garantisco per la sicurezza. Tuttavia una valanga su una pista è quanto di peggio possa accadere.

 Come viene garantita la sicurezza?

In caso di pericolo viene fatta esplodere la valanga oppure viene bloccata la pista. La scorsa settimana ad esempio abbiamo dovuto chiudere la discesa a valle a Davos a causa di una crepa. Dopo tre giorni c’è stata in quel punto una valanga. Per evitare tale rischio si misura più volte al giorno la crescita di una crepa simile.

Un maestro di sci ha tuttavia criticato i gestori dell’impianto di Crans Montana di non aver valutato attentamente la situazione. Secondo lui a causa delle eccezionali temperature primaverili, le piste sarebbero dovute restare chiuse.

Stando alle immagini che ho potuto vedere dubito che la valanga potesse essere evitata. È difficile giudicare solo dalle immagini.

Perché?

Perché in partenza era una piccola slavina che però, durante la discesa ha trascinato con sé sempre più neve. In definitiva non c'era modo di prevedere una cosa come questa. Negli sport invernali, purtroppo, non si può mai parlare di sicurezza assoluta. Stiamo comunque parlando di attività che si svolgono nella natura. Anche sulle piste battute un po' di rischio c'è sempre.

Cosa deve fare uno sciatore minacciato da una valanga?

 C'è solo un comportamento corretto: procedere e non fermarsi mai. Soprattutto adesso che, con questa neve così bagnata, le slavine scendono a valle più lentamente. Se si tratta di una valanga di neve polverosa, invece, le possibilità di riuscire a mettersi al riparo sono davvero esigue.

 A cos'altro dovrebbero prestare attenzione gli appassionati di sport invernali?

Alla segnaletica, che va sempre rispettata. Capita spesso di vedere sciatori che ignorano bellamente i cartelloni e le indicazioni. A volte scavalcano anche le barriere... Non è che le mettiamo lì per divertimento, hanno una funzione!

 

Lettore
Guarda tutte le 12 immagini
7 mesi fa Valanga a Crans-Montana: dimessi due dei feriti
7 mesi fa Valanga: la pista nera resta chiusa. Vietato sorvolare l'area
7 mesi fa Valanga a Crans-Montana, morto uno dei feriti
7 mesi fa Drammatica fuga dalla valanga, ecco il video
7 mesi fa Crans-Montana, le ricerche continuano tutta la notte
7 mesi fa Valanga a Crans-Montana: il primo bilancio è di 4 feriti
7 mesi fa Valanga investe gli sciatori sulla pista a Crans-Montana
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
1 ora

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
2 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
2 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
3 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
5 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
6 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

SVIZZERA
7 ore

Implenia: interrotti i colloqui fra Cda e azionisti attivisti

Si sta trattando la possibile scissione fra le varie attività del conglomerato

SVIZZERA
7 ore

Alle FFS mancano ancora macchinisti

Dei bus sostitutivi sono stati impiegati per il trasporto dei passeggeri sulla linea fra Olten (SO) e Sissach (BL)

SVIZZERA
10 ore

Quei clienti insoddisfatti che sul web insultano le prostitute

E lo fanno nel peggior modo possibile: in anonimato e su un forum online, rovinando le loro carriere e mettendole realmente in pericolo

ZURIGO
11 ore

Recensioni fake nello shopping online, è iniziata la guerra

Amazon investe 400 milioni di dollari per «proteggere i clienti dalle recensioni fake e dalle frodi». Perchè ormai è un dato di fatto: i feedback dei clienti determinano l’acquisto di un prodotto

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile