lettore 20 Minuten
+8
APPENZELLO ESTERNO
10.01.19 - 20:000
Aggiornamento : 11.01.19 - 06:07

Valanga invade il ristorante: «Siamo sotto shock»

La massa nevosa ha travolto anche alcuni veicoli e causato almeno tre feriti. Parlano alcuni testimoni

SCHWÄGALP - Sono impressionanti le immagini che arrivano dal ristorante sullo Schwägalp, nel Canton Appenzello esterno. Immagini che ricordano lontanamente ciò che successe a Rigopiano.

La valanga, larga circa 300 metri, ha infatti investito il punto di ristoro, e la neve ha raggiunto l’interno del locale.

«Eravamo seduti alla finestra del ristorante dell’hotel quando improvvisamente è scesa la valanga» racconta un lettore di 20 Minuten. «È una fortuna che nessuno fosse seduto nell’area vicino alle finestre. Siamo sotto shock».

Dopo la valanga gli ospiti della struttura sono stati riuniti nella sala conferenze, dove è stato fornito loro del cibo.

Tre feriti - Stando al lettore, una donna sarebbe rimasta ferita ad un braccio. La polizia in serata, ha fatto un primo bliancio: i feriti accertati sono al momento tre. Tutti hanno comunque subito lesioni leggere, sono stati medicati e hanno ricevuto un'assistenza psicologica. 

Anche alcune auto, parcheggiate fuori dalla struttura, sono state colpite dalla massa nevosa, e rovesciate. Un autopostale è stato spinto contro un pilastro. «Anche il conducente è sotto shock» prosegue il lettore.

«Ho sentito improvvisamente un’onda d’urto» ha invece spiegato un impiegato della struttura. «Tutti erano spaventati». 

Ricerche sospese - A causa delle forti nevicate e del pericolo di valanghe, le ricerche di eventuali dispersi sono state interrotte. Al momento non ci sono indizi di persone rimaste travolte dalla valanga. Fra i clienti dell'hotel nessuno manca all'appello, tuttavia non può ancora esserci la sicurezza che nessun passante sia rimasto sotto la neve. Proprio per questo, prima erano stati impiegati dei cani da valanga.

lettore 20 Minuten
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
7 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
9 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
10 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
10 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
12 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
13 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
14 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
16 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
16 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
17 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile