SVIZZERA/MAROCCO
04.01.19 - 12:180
Aggiornamento : 13:02

Lo svizzero arrestato in Marocco ha incontrato un membro dell'Isis in Svizzera

Erano in contatto tramite il servizio di messaggistica istantanea Telegram

GINEVRA/RABAT - L'uomo con doppio passaporto svizzero e spagnolo arrestato il 29 dicembre in Marocco per presunti legami con l'assassinio di due turiste scandinave era in contatto con un esponente dell'Isis in Siria. Lo afferma il direttore dell'Ufficio centrale d'investigazione giudiziaria (BCIJ) Abelhak Khiame in un'intervista pubblicata oggi da Tribune de Genève et 24Heures nel quale afferma che i due si sono incontrati in Svizzera.

In contatto con Telegram - Erano in contatto tramite il servizio di messaggistica istantanea Telegram, afferma Khiame. L'esponente dell'Isis, un dirigente dello Stato islamico secondo il direttore del BCIJ, aveva inviato all'ispano-svizzero, un 25enne, video di decapitazioni.

Khiame non precisa in che località elvetica i due si sono incontrati né quando e quante volte. Il direttore del BCIJ precisa poi che lo svizzero «non è direttamente implicato nell'assassinio delle due scandinave, ma conosce gli autori». «Ha partecipato a diversi incontri segreti con i membri della cellula ora smantellata. Hanno visionato insieme film di propaganda dell'Isis».

Il giovane intendeva però «commettere azioni in territorio marocchino contro i servizi di sicurezza o turisti», precisa il capo del BCIJ. Ha addestrato alcune persone al tiro e ha anche «reclutato sub-sahariani assieme ai quali intendeva unirsi ai rami dell'Isis presenti nel nord del Mali».

Si è radicalizzato a Ginevra - Secondo Khiame, il 25enne si è convertito all'islam nel 2011 nella moschea ginevrina di Petit-Saconnex e si è radicalizzato a Ginevra. «Con altri convertiti che hanno il suo stesso profilo ha assistito a sermoni» pronunciati da due imam francesi che sono in seguito stati espulsi dalla moschea per aver incoraggiato i fedeli alla jihad.

Una volta radicalizzato, ha pianificato una rapina a una gioielleria per finanziare la sua partenza per la Siria e raggiungere lo Stato islamico. È anche l'istigatore della conversione di diversi membri della sua famiglia: nonna, due zii e la sorella, precisa Khiame.

Alla fine ha deciso di recarsi in un paese musulmano ed è andato in Marocco nel 2015, sostiene il direttore del BCIJ, che non si esprime riguardo alla possibile presenza di altri cittadini svizzeri nelle cellule jihadiste in Marocco.

Il processo - Il giovane, assieme ad altri sei indiziati, è stato interrogato ieri dal giudice in una udienza preliminare. In precedenza erano state ascoltate altre 17 persone. La pubblica accusa ha chiesto il rinvio a giudizio per "terrorismo", "costituzione di banda armata, al fine di commettere atti terroristici", "plagio e adescamento di individui al fine di costituire banda armata" e "a fini terroristici".

Le due vittime - una studente danese di 24 anni e una norvegese di 28 anni - sono state decapitate nella notte tra il 16 e il 17 dicembre a Imlil, a una settantina di chilometri a sud di Marrakesh, dove si trovavano in vacanza. I loro corpi sono stati scoperti in una zona isolata dell'Alto Atlante, una catena montuosa molto frequentata da escursionisti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
«La libera circolazione è vitale per l'economia»
Dopo i sindacati, contro l'iniziativa dell'UDC oggi sono scese in campo anche le piccole e medie imprese
SVIZZERA
5 ore
L'inverno rientra dalla porta sul retro
Caldo da record ad inizio settimana, ma da mercoledì l'asticella dei gradi si abbasserà nuovamente, con neve in vista
SONDAGGIO
SVIZZERA
5 ore
Ci piacciono le carte di credito, ma non ci fidiamo del contactless
Il mezzo di pagamento è comunque sempre più apprezzato dagli svizzeri, come mostra l'annuale indagine di bonus.ch
VALLESE
7 ore
La truffa online che passa dalla carta prepagata
Dall'inizio dell'anno dei cybercriminali si sono intascati almeno 16'800 franchi ingannando diversi venditori privati
SVIZZERA
7 ore
Assistenti di volo in protesta: «Non vogliamo pernottare in Italia»
Il personale di cabina svizzero che si trova giornalmente a dover dormire a Milano non gradisce più questa situazione
SVIZZERA
8 ore
Il 2019? Per il vino elvetico è un'annata eccezionale
Ma il raccolto è stato più basso rispetto al 2018, che era stato da record
ZURIGO
19 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
23 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
BERNA
1 gior
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
1 gior
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile