Keystone
SVIZZERA / MAROCCO
31.12.18 - 11:380
Aggiornamento : 01.01.19 - 21:47

Turiste scandinave decapitate: «Lo svizzero arrestato era un volto già noto»

L'uomo arrestato il 29 dicembre era conosciuto dalla polizia ginevrina per reati comuni commessi fra il 2007 e il 2013. Sospettato di radicalizzazione, aveva lasciato il Paese nel 2015

BERNA - L'uomo, di nazionalità svizzera e spagnola, arrestato il 29 dicembre in Marocco per presunti legami con l'assassinio di due turiste scandinave, era conosciuto dalla polizia ginevrina per reati comuni commessi fra il 2007 e il 2013. Sospettato di radicalizzazione islamista, ha lasciato la Svizzera per il Marocco nel 2015.

È quanto indica la portavoce del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), Anne-Florence Débois, interpellata dall'agenzia Keystone-ATS. In merito ai reati commessi a Ginevra, vengono evocati l'infrazione alla legge sugli stupefacenti, il furto, la rapina, i danni alla proprietà, l'aggressione e la violenza coniugale.

Le autorità di polizia federali e ginevrine sono a conoscenza dell'arresto, precisa la portavoce, specificando che l'Ufficio federale di polizia fedpol è in stretto contatto con i suoi partner in Svizzera e all'estero per procedere ai chiarimenti necessari e facilitare tutti gli scambi di informazioni sul caso. Le autorità federali sono pure in contatto con quelle marocchine, spagnole, danesi e norvegesi.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) rileva da parte sua di non aver aperto per ora nessun procedimento penale sulla vicenda. «La responsabilità dell'inchiesta è nelle mani delle autorità del territorio in cui è stato commesso il crimine».

In Marocco l'uomo è «sospettato di aver insegnato ad alcune delle persone coinvolte nella vicenda gli strumenti di comunicazione derivanti dalle nuove tecnologie e di averle addestrate a sparare», precisava l'Ufficio centrale marocchino per le investigazioni giudiziarie (Bureau central d'investigation judiciaire, BCIJ) al momento dell'arresto.

Una studentessa danese di 24 anni e la sua amica, una norvegese di 28 anni, sono state uccise la notte tra il 16 e il 17 dicembre nel sud del Marocco, dove erano in vacanza. I loro corpi sono stati rinvenuti in un'area isolata dell'Alto Atlante, in una zona molto frequentata dagli escursionisti. Entrambe le vittime sono state decapitate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Credit Suisse: a rischio centinaia di posti di lavoro
Lo afferma la SonntagsZeitung, secondo la quale ci sarebbero dei piani di riduzione dei costi
SVIZZERA ROMANDA
11 ore
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
12 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
12 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
13 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
SVIZZERA
15 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
15 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
15 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
16 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
CAPO VERDE
1 gior
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile