La coppia a processo.
SAN GALLO
27.11.18 - 18:070
Aggiornamento : 22:21

«L'ho nascosta perché temevo di aver sbagliato tutto come madre»

Una bimba di neanche due anni era stata trovata morta nella cantina di una casa di Staad nell'agosto del 2015. I genitori sono a processo per omicidio intenzionale

SAN GALLO - La storia di quella bambina di neppure due anni ritrovata morta in una valigia nascosta in una cantina di Staad aveva scioccato la Svizzera intera. Una morte che affonda le sue radici nel disagio. Entrambi i genitori - oggi a processo - avevano infatti problemi legati alla droga. E come nel film “Trainspotting” si erano semplicemente dimenticati della piccola, con lo stesso, inaccettabile, epilogo.

Jasmina, di soli 23 mesi, è morta così. Abbandonata a se stessa. Un giorno di giugno di tre anni fa. Ma oggi la madre - davanti al giudice che la incalza - la ricorda con dolcezza. «Vorrei solo tornare indietro per occuparmi di lei».

La donna continua ad interrogarsi su come tutto questo sia potuto accadere: «Non avrò mai una risposta sulla sua morte. L’ho vista viva per l’ultima volta il 25 giugno. Il giorno dopo non c’era più». La madre piange, disperata, sopraffatta dal senso di colpa. Poi spiega il perché abbia celato il corpo della sua piccola nella cantina di casa. «Avevo paura. Avevo paura di aver sbagliato tutto come madre. Allora l’ho nascosta».

La madre, infatti, racconta di aver preso il piccolo materasso di Jasmina, di averlo portato nel seminterrato e infilato in una valigia. «Sono andata più volte a controllare che non avesse freddo. Le ho anche cambiato i vestiti». Una giustificazione totalmente insensata per un gesto altrettanto assurdo. 

Un pentimento che però agli occhi dell’accusa suona falso e vuoto. «Il fatto che la piccola sia stata infilata in una valigia in un seminterrato infestato dagli scarafaggi mostra che c’era l’intenzione di nascondere il tutto».

Il ministero pubblico poi parla della dipendenza dei due genitori. «La droga veniva prima di tutto, prima del benessere della piccola». I due facevano uso di grandi quantitativi di cocaina. Tanto che - secondo quanto detto a processo - avrebbero speso oltre 180.000 franchi in due anni e mezzo per procurarsi la polvere bianca. «E la nascita della piccola non ha cambiato le loro abitudini. Dormivano e si facevano di coca tutto il giorno». Abitudini che secondo il tribunale hanno provocato la morte della figlioletta.

L'accusa - ricordiamo - ha chiesto per la madre dieci anni e mezzo di carcere e per il padre 8 anni, in entrambi i casi senza la condizionale, ipotizzando i reati di omicidio intenzionale, violazione del dovere d'assistenza e ripetuta infrazione alla legge federale sugli stupefacenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
57 min
Telecamere nascoste per stanare il ladro di monete
Le ha installate Migros in una filiale bernese. Ma ora la giustizia ha scagionato il collaboratore accusato di furto
SVIZZERA
9 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
13 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
14 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
15 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
17 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
17 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
18 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
19 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
20 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile