La polizia scoprì il cadavere della piccola il 4 agosto del 2015 in una cantina
SAN GALLO
27.11.18 - 12:090

Lasciarono morire la figlia, genitori alla sbarra

Il corpo della piccola di nemmeno due anni era stato trovato dalla polizia nell'agosto del 2015 durante una perquisizione domiciliare. La coppia deve rispondere di omicidio intenzionale

SAN GALLO - È iniziato stamane a San Gallo il processo a carico di una coppia accusata di omicidio intenzionale per aver lasciato morire la figlia di 23 mesi. Il corpo della piccola era stato trovato dalla polizia nell'agosto del 2015 durante una perquisizione domiciliare.

Il processo è cominciato con l'interrogatorio dei due imputati, una cittadina tedesca di 35 anni e uno svizzero di 55, sospettati di aver gravemente trascurato la figlia, tra l'altro a causa del loro consumo di droghe pesanti.

Stando al Ministero pubblico i due non avrebbero nutrito a sufficienza la bambina, non le avrebbero prodigato le cure necessarie e l'avrebbero lasciata sola in casa per ore senza alcuna sorveglianza, ciò che avrebbe condotto la piccola alla morte.

L'accusa ha chiesto per la madre dieci anni e mezzo di carcere e per il padre 8 anni, in entrambi i casi senza la condizionale, ipotizzando i reati di omicidio intenzionale, violazione del dovere d'assistenza e ripetuta infrazione alla legge federale sugli stupefacenti.

Il cadavere della bambina venne rinvenuto rinchiuso in una valigia nella cantina di una casa di Staad (SG), domicilio della coppia, dopo una denuncia dell'Autorità di protezione dei minori, chiamata ad occuparsi della famiglia. Secondo il pubblico ministero, la piccola morì il 3 luglio del 2015: quel giorno i genitori la lasciarono da sola in mansarda per diverso tempo, nonostante la temperatura esterna fosse di 33 gradi. Andando per eliminazione, secondo l'accusa, si deve presumere che sia morta di sete, di fame o semplicemente perché dimenticata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La "soglia dei mille" sta per saltare?
Secondo indiscrezioni, il limite agli assembramenti non verrà rinnovato a settembre
SVIZZERA
3 ore
Lauber, schiaffo all'immunità dal Consiglio degli Stati
La decisione è stata presa in modo chiaro: per 10 voti contro 1
BASILEA CITTÀ
4 ore
Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata
La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni
SAN GALLO
5 ore
Condannata la direttrice delle medie che rese possibile l'alcol-party di diploma
La donna è stata ritenuta responsabile dal giudice, fatta chiarezza sul come e il perché successe il fattaccio
SVIZZERA
6 ore
Una tavola rotonda per rilanciare l'export svizzero
Lo scambio di vedute tra i partecipanti sulle conseguenze della pandemia è stato «proficuo»
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
Una persona su quattro non vuole farsi vaccinare
Secondo un sondaggio, soltanto una minoranza dei lavoratori non intende proteggersi contro il coronavirus
SVIZZERA
9 ore
I danni delle catastrofi sono in aumento nella prima metà del 2020
Lo studio non tiene conto dei danni legati alla pandemia di coronavirus.
SVIZZERA
9 ore
Altri 187 casi, 11 ricoveri e un decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'895. I decessi sono 1'713.
SVIZZERA
10 ore
«10mila immigrati all'anno, dicevano. Ne arrivano 75mila»
L'UDC ha lanciato la campagna per il sì all'Iniziativa per la limitazione.
SVIZZERA
10 ore
Immatricolazioni in lieve calo a luglio
In controtendenza i veicoli ibridi ed elettrici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile