Keystone
VAUD
27.09.18 - 15:290
Aggiornamento : 16:54

Internamento ordinario per Claude, l'assassino di Marie

La corte ha dovuto rioccuparsi del caso dopo che a marzo il Tribunale federale aveva annullato il suo internamento a vita, confermando tuttavia l'ergastolo

LOSANNA - Claude D. , l'uomo che la notte del 14 maggio 2013 uccise la 19enne Marie nei pressi di Payerne (VD), è stato condannato oggi all'internamento ordinario dal Tribunale cantonale vodese.

Il rischio di recidiva, ritiene la Corte, è estremamente elevato, a un punto definito "insolito" che classifica Claude D. come un "assassino multiplo e sadico". L'uomo è stato inoltre giudicato inaccessibile a misure terapeutiche.

L'assassino era stato condannato nel 2016 all'ergastolo e all'internamento a vita dal Tribunale del Nord vodese e la pena era stata confermata in seconda istanza. La Corte ha però dovuto rioccuparsi del caso dopo che lo scorso marzo il Tribunale federale (TF) aveva annullato il suo internamento a vita, confermando tuttavia l'ergastolo.

La Presidente della Corte penale d'Appello di Vaud, nel corso della lettura della sentenza, ha ricordato il quadro estremamente nero che gli esperti hanno disegnato dell'uomo: un grave disturbo mentale, con il desiderio di dominare e umiliare le donne prima di ucciderle in una stanza chiusa quando queste vogliono scappare. "Non è cambiato" e i sintomi sono ancora sempre ben presenti, ha osservato la Corte.

Secondo la sentenza del TF dello scorso marzo, non vi sono le condizioni legali per giustificare l'internamento a vita, in quanto gli esperti psichiatrici interpellati hanno fornito analisi divergenti. La legge svizzera esige infatti che per ordinare tale provvedimento due valutazioni indipendenti arrivino a qualificare l'autore come "durevolmente refrattario alla terapia".

Già condannato nel 2000

Claude D. era stato condannato nel giugno 2000 a 20 anni di reclusione per aver sequestrato, stuprato e assassinato la sua ex compagna a colpi di pistola nel gennaio 1998. Nell'agosto 2012 era stato posto agli arresti domiciliari con un braccialetto elettronico. Questi erano stati poi revocati in novembre - a causa tra l'altro di scritti pornografici pubblicati su internet - e per l'uomo era stata ordinata nuovamente l'incarcerazione.

Gli arresti domiciliari erano però stati reintrodotti nel gennaio 2013 a seguito di un ricorso dell'interessato, al quale la giudice dell'esecuzione delle pene - che nel frattempo ha lasciato la magistratura vodese - aveva accordato l'effetto sospensivo.

Durante questo periodo aveva conosciuto Marie. Il 13 maggio 2013 l'uomo costrinse la ragazza a salire sulla sua automobile e la portò in un bosco di Torny-Le-Grand (FR), vicino a Payerne, dove la strangolò. L'uomo venne arrestato il giorno seguente dopo un inseguimento da parte della polizia. Nel 2016 gli venne inflitta una condanna all'ergastolo e all'internamento a vita dal Tribunale del Nord vodese.

8 mesi fa Claude D. di nuovo a processo per l'assassinio di Marie
TOP NEWS Svizzera
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
4 ore

L’allerta si concretizza: mezza Svizzera sotto l’acqua, muore una turista

Non solo pioggia, ma anche grandine e forti raffiche di vento. A Ginevra chicchi da 5 centimetri di diametro. 23 mm di pioggia in dieci minuti nel canton Vaud

FOTO
ZURIGO
6 ore

L'arcobaleno invade le strade di Zurigo

Erano in 55'000, secondo gli organizzatori, a festeggiare la 55esima edizione del Pride sotto il motto "Strong in Diversity"

ARGOVIA
7 ore

Puntava il fucile contro i passanti, arrestato un 39enne

L'uomo si era rintanato in casa ma poco dopo mezzanotte si è consegnato alla polizia. Alla base, forse, una discussione di poco conto

FOTO
SVIZZERA
9 ore

Non un'onda, ma una marea viola: ieri erano più di 500'000

«Il 14 giugno 2019 passerà alla storia come la più grande azione politica nella storia elvetica dallo sciopero generale del 1918», scrive USS

VIDEO
GRIGIONI
10 ore

«Il nostro bussino è stato spazzato via dalla corrente»

Parlano i due turisti tedeschi che stavano dormendo nel loro mezzo posteggiato a Splügen quando è scoppiato il nubifragio. I soccorritori: «Hanno avuto molta fortuna»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report