VAUD
27.09.18 - 09:450
Aggiornamento : 11:00

Claude D. di nuovo a processo per l'assassinio di Marie

La sentenza è attesa per le 15

LOSANNA - Claude D., l'uomo che la notte del 14 maggio 2013 uccise la 19enne Marie nei pressi di Payerne (VD), è comparso oggi di nuovo davanti alla giustizia vodese. A marzo il Tribunale federale aveva annullato il suo internamento a vita, confermando tuttavia l'ergastolo. La lettura della sentenza è prevista per questo pomeriggio alle 15.

Seduta lampo - Il processo davanti alla Corte d'appello del Tribunale cantonale vodese si è già concluso in una seduta lampo. La lettura della sentenza, prevista per domani pomeriggio, è stata così anticipata.

L'assassino era stato condannato nel 2016 per l'omicidio della 19enne all'ergastolo e all'internamento a vita dal Tribunale del Nord vodese, poi confermata in seconda istanza. Tuttavia, dopo la decisione del TF, il Tribunale cantonale vodese è nuovamente tenuto ad esprimersi sulla questione.

Ergastolo ma non internamento a vita - Secondo i giudici supremi non vi sono le condizioni legali per giustificare l'internamento a vita, in quanto gli esperti psichiatrici interpellati hanno fornito analisi divergenti. La legge svizzera esige infatti che per ordinare tale provvedimento due valutazioni indipendenti arrivino a qualificare l'autore come «durevolmente refrattario alla terapia».

Questo elemento della sentenza è l'unico a essere messo in discussione: Claude D., indipendentemente dall'esito del nuovo processo, rimane condannato all'ergastolo.

Già condannato nel 2000 - Claude D. era stato condannato nel giugno 2000 a 20 anni di reclusione per aver sequestrato, stuprato e assassinato la sua ex compagna a colpi di pistola nel gennaio 1998. Nell'agosto 2012 era stato posto agli arresti domiciliari con un braccialetto elettronico. Questi erano stati poi revocati in novembre - a causa tra l'altro di scritti pornografici pubblicati su internet - e per l'uomo era stata ordinata nuovamente l'incarcerazione.

Gli arresti domiciliari erano però stati reintrodotti nel gennaio 2013 a seguito di un ricorso dell'interessato, al quale la giudice dell'esecuzione delle pene - che nel frattempo ha lasciato la magistratura vodese - aveva accordato l'effetto sospensivo.

Durante questo periodo aveva conosciuto Marie. Il 13 maggio 2013 l'uomo costrinse la ragazza a salire sulla sua automobile e la portò in un bosco di Torny-Le-Grand (FR), vicino a Payerne, dove la strangolò. L'uomo venne arrestato il giorno seguente dopo un inseguimento da parte della polizia.

1 anno fa Morte di Marie, annullato internamento per Claude D.
2 anni fa Internamento a vita per Claude D.? La parola al Tribunale federale
3 anni fa Confermata la pena per il killer di Marie
3 anni fa L'avvocato di Claude D.: «È una condanna populista»
3 anni fa Uccisione di Marie, processo d'appello contro Claude D.
3 anni fa I legali di Claude D. ricorrono: «Fu omicidio, non assassinio»
3 anni fa Omicidio di Marie, i legali di Claude D. annunciano l'appello contro la sentenza
3 anni fa Carcere a vita per Claude D.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora

Per gli svizzeri le grandi aziende non pensano al bene comune

Pollici in giù per Marlboro, FIFA o Glencore, ma anche FC Zurigo, Amazon, Syngenta, Blick, Tamoil e UEFA

VIDEO
VALLESE
2 ore

Esplode una griglia a gas: «La gente era nel panico»

Un botto tremendo e tanta paura questa mattina in un complesso residenziale di Sierre. Ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito

FOTO
SAN GALLO
2 ore

Il ghiacciaio del Pizol non c'è più, celebrato il suo funerale

Tra il 1850 e il 2010 ha perso l'85% della sua superficie. «Da un punto di vista scientifico, non è più un ghiacciaio»

SVIZZERA / GERMANIA
3 ore

Vodese col piede pesante: pizzicato a 228 km/h appena oltre confine

L'uomo è stato beccato dalla polizia tedesca mentre sfrecciava a folle velocità su un tratto autostradale in cui il limite è di 120. Per lui multa salata e divieto di condurre in Germania

BERNA
5 ore

L'esercito sta cadendo a pezzi

Il 70% delle installazioni in uso si trova in cattivo stato. L'11% degli edifici militari versa in uno stato tale da dover essere completamente demolito e ricostruito.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile