Keystone
VAUD
18.09.18 - 14:220
Aggiornamento : 15:26

Morto dopo un controllo di polizia, non fu overdose ma infarto

Lo ha rivelato l'autopsia effettuata sul corpo del 40enne. Secondo l'avvocato della famiglia della vittima, l'arresto cardiaco è giunto a causa delle violenze esercitate delle forze dell'ordine

LOSANNA - L'autopsia di Mike, l'uomo di 40 anni di nazionalità nigeriana morto lo scorso marzo dopo un controllo di polizia a Losanna, ha rivelato che si è trattato di un arresto cardiaco. La pista dell'overdose, inizialmente ipotizzata, è stata dunque scartata.

L'uomo non aveva precedenti di problemi cardiaci, indica oggi alla Keystone-ATS Simon Ntah, consulente della famiglia, confermando un'informazione della RTS. Secondo l'avvocato, il 40enne è morto a causa di un arresto cardiaco in seguito alle violenze delle forze dell'ordine. L'autopsia ha anche stabilito che non vi erano tracce di cocaina nel sangue.

Il legale ha chiesto ieri alla procura una misura preventiva per omicidio intenzionale contro gli agenti di polizia che sono intervenuti per arrestare l'uomo. Fino ad ora erano accusati di omicidio colposo. Il procuratore incaricato del caso, Sébastien Fetter, ha dichiarato che sei persone sono state accusate, senza aggiungere altro. Inoltre, non ha voluto commentare il contenuto del rapporto dell'autopsia.

Durante un controllo preventivo contro lo spaccio di stupefacenti, la polizia era stata allertata dal «comportamento sospetto» di un nigeriano. L'uomo non aveva obbedito alle intimidazioni degli agenti ed era stato bloccato con la forza. Dopo essere stato ammanettato aveva avuto un malore, morendo il giorno seguente al Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV). Mentre gli venivano prodigate le prime cure la polizia aveva riferito che «diverse palline di cocaina sono state scoperte vicino al viso e in bocca».

Il caso aveva scatenato un'ondata di proteste a Losanna, in cui erano state organizzate alcune manifestazioni per rendere omaggio all'uomo e per denunciare il razzismo e la violenza della polizia.

TOP NEWS Svizzera
FOTO
VALLESE
7 ore
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
11 ore
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
VAUD
13 ore
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
SVIZZERA/KENYA
15 ore
Due arresti per lo stupro e l'omicidio della missionaria svizzera
La 74enne viveva sola ed era stata aggredita per una rapina, le autorità keniane a caccia di una terza persona
SVIZZERA
18 ore
Non c'è mai stato un inverno caldo come questo
Lo sostengono, dati alla mano, MeteoSvizzera: «Una tendenza che probabilmente continuerà anche in futuro»
FOTO
ARGOVIA
1 gior
Würenlingen ricorda l'attentato di 50 anni fa con 47 morti
Durante la commemorazione sono state deposte corone di fiori e accese 47 candele
FOCUS
1 gior
Crypto, un Grande Fratello tutto svizzero
Tutto quello che c’è da sapere su uno spionaggio internazionale che vede coinvolta una società di Zugo
SVIZZERA
1 gior
Erano sulla nave MS Westerdam, svizzeri in quarantena
I test iniziali sui passeggeri erano risultati negativi, ma un'americana si è ammalata. Segreti i cantoni di provenienza
SVIZZERA
1 gior
«Il roaming è una truffa, è il momento di intervenire»
Lo chiede l'associazione dei consumatori, che vorrebbe limiti massimi di prezzo fissati dal Consiglio federale
SVIZZERA / CINA
1 gior
Tornano altri cinque svizzeri, poi la quarantena
Con loro anche due parenti cinesi. Il periodo di isolamento contro il coronavirus lo faranno sul nostro territorio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile