Keystone
SVIZZERA
16.08.18 - 12:130

«In volo solo a certe condizioni»

L'Ufficio federale dell'aviazione civile impone alcune misure di sicurezza a Ju-Air: cinture di sicurezza per i passeggeri, tracciabilità della tratta e maggiori altezze minime di volo

BERNA - I prossimi voli dei due ultimi aerei d'epoca Ju-52, pronti a decollare nuovamente da domani, saranno sottoposto a misure di precauzione. L'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) non può ordinare il grounding della flotta di Ju-Air, ma ha posto alcune condizioni da rispettare.

«Attualmente non vi sono indicazioni che questo tipo di aeromobile abbia un problema di ordine tecnico generale», indica in una nota odierna l'UFAC. Per questo motivo la compagnia aerea, che si occupa di voli panoramici, è autorizzata ad eseguire i voli fino a quando dalle indagini non emergeranno ulteriori informazioni.

La Ju-Air per poter decollare dovrà seguire le seguenti precauzioni: gli aeromobili dovranno essere dotati di un registratore di dati GPS per poter tracciare i voli, le altezze minime di volo devono essere superiori a quelle prescritte dalla legge e i passeggeri dovranno tenere le cinture di sicurezza allacciate durante il volo. Ciò, precisa l'UFAC, vale anche per le visite nella cabina di pilotaggio durante il volo.

La compagnia ha accolto con favore la rapida decisione dell'UFAC e ha assicurato la piena collaborazione. Inoltre, precisa la Ju-Air, alcune delle misure sono state suggerite proprio dalla compagnia.

L'Ufficio federale dell'aviazione si riserva tuttavia il diritto di applicare altre misure a breve termine a seconda dell'evoluzione delle indagini del Servizio di inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI). Queste potrebbero durare diverse settimane, se non mesi, ricorda l'UFAC.

"Tante Ju" - La misura è dovuta all'incidente occorso lo scorso 4 agosto a uno storico trimotore che si è schiantato al suolo presso il Piz Segnas, nel canton Grigioni. Tutti gli occupanti del velivolo, tre membri dell'equipaggio e 17 passeggeri, hanno perso la vita. L'apparecchio era uno Ju-52 del 1939 immatricolato HB-HOT, noto con il nome di "Tante Ju".

L'aereo tornava da un viaggio a Locarno e doveva atterrare a Dübendorf (ZH). L'associazione ha immediatamente sospeso le attività di volo, ma ha successivamente annunciato di voler tornare a volare a partire da domani.

3 mesi fa «Riprenderemo presto a volare, lo chiedono anche i parenti delle vittime»
3 mesi fa Lo Ju-52 tornerà nei cieli tra dieci giorni? «È troppo presto»
3 mesi fa Ju-Air vuole riprendere i voli tra dieci giorni
3 mesi fa «Sappiamo che la “Zia Ju” non potrà volare per sempre»
3 mesi fa Venti morti nel crash aereo, la causa al vaglio delle autorità
3 mesi fa Arriva la conferma: l'aereo precipitato è "Tante Ju"
3 mesi fa Flims, il velivolo precipitato è un aereo storico con 17 posti
Commenti
 
ugobos 3 mesi fa su tio
il velivolo non è un problema. i piloti magari andrebbe addestrati meglio sul come non si vola. a scuola t insegnano una marea di cretinate ma le cose importanti niente. strano ma avanti cosi
F/A-18 3 mesi fa su tio
Auguri ai passeggeri, è bene che sappiano che di questi birocci ne esistono ancora tre di cui uno è appena precipitato.
Esse 3 mesi fa su tio
...perticolare la misura delle cinture allacciate durante le visite in cabina...da da pensare
Tags
volo
ufac
sicurezza
misure
voli
ju-air
aviazione
federale aviazione
ufficio federale aviazione
passeggeri
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report