GINEVRA
31.05.18 - 17:500

Caso Maudet, sinistra e MCG vogliono una seduta straordinaria

La seduta, che deve essere richiesta da almeno 30 deputati, dovrebbe tenersi entro il 21 giugno, data della prossima sessione del Gran Consiglio

GINEVRA - Nel cantone Ginevra la sinistra e l'MCG (Mouvement citoyens genevois) hanno chiesto oggi una seduta straordinaria del Gran Consiglio sulla vicenda del contestato viaggio ad Abu Dhabi del consigliere di Stato Pierre Maudet. Propongono una risoluzione in cui si disapprova l'accettazione del "lussuoso regalo" da parte di Maudet.

"Questa risoluzione è un atto politico forte", ha detto alla stampa Jean Batou, deputato di Ensemble à Gauche, la cui proposta è sostenuta dal Partito socialista, dai Verdi e dall'MCG. I quattro partiti, con 52 seggi, hanno la maggioranza nel parlamento cantonale.

La seduta straordinaria, che deve essere richiesta da almeno 30 deputati, dovrebbe tenersi entro il 21 giugno, data della prossima sessione del Gran Consiglio. La decisione spetterà all'Ufficio del parlamento.

Il Ministero pubblico ginevrino - si è appreso a metà maggio - ha aperto un procedimento penale nei confronti di Maudet e del suo capo di gabinetto per accettazione di vantaggi. Oggetto dell'inchiesta è un viaggio effettuato dal consigliere di Stato nel novembre 2015 negli Emirati Arabi Uniti, che il politico ha ammesso di non aver pagato di tasca propria. A suo dire, la fattura è stata saldata da un imprenditore libanese.

La risoluzione è stata pubblicata poche ore prima della cerimonia di giuramento del nuovo Consiglio di Stato. Per François Baertschi dell'MCG si tratta in primo luogo di una questine di principio: "accettare un simile regalo apre la porta a tutti gli abusi". Maudet e il suo capo di gabinetto, affermano le quattro formazioni politiche, hanno fatto esattamente ciò che il regolamento vieta ai funzionari. A loro avviso, il carattere almeno in parte ufficiale del viaggio è incontestabile.
 
 

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
17 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
18 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
20 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
21 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
22 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile