keystone
GINEVRA
31.05.18 - 12:020

Uccise un giovane con un colpo accidentale, condannato il detentore di un Fass 90

Il ricorrente aveva conservato il fucile appendendolo al muro di casa. Carico. Un amico l'aveva preso facendo partire il colpo

GINEVRA - Il Tribunale federale (TF) ha confermato la condanna per omicidio colposo pronunciata nei confronti di un ginevrino detentore di un fucile d'assalto che, manipolato da un amico, uccise una terza persona.

Il ricorrente aveva conservato il suo Fass 90 dopo il servizio militare, appendendolo al muro della sua stanza con inserito il caricatore in cui c'erano sette cartucce. Nell'agosto 2015, in sua assenza, l'amico aveva preso l'arma per mostrarla a conoscenti: era partito un colpo, letale per uno dei giovani presenti.

Nel gennaio 2017 il proprietario del fucile era stato condannato a 360 aliquote giornaliere di 20 franchi, mentre all'amico erano stati inflitti 18 mesi di prigione. Entrambe le pene - sospese con la condizionale - erano state convalidate nell'ottobre dello stesso anno dal tribunale cantonale. Il detentore del Fass 90 - solo lui - aveva poi fatto ricorso a Losanna.

In una sentenza pubblicata oggi il TF ha confermato la sentenza cantonale. I giudici hanno ricordato che in base alla legislazione civile chi possiede un'arma deve conservarla con attenzione e garantire che non sia accessibile a terzi.

Inoltre le normative militari prevedano che la culatta di un fucile come il Fass 90 sia tenuta separata dal resto dell'arma. È perdipiù naturalmente vietato portare a casa cartucce non sparate durante il servizio militare, come aveva fatto il ricorrente.

Viste le circostanze, il TF ha ritenuto che i tribunali ginevrini fossero legittimati a ritenere che il detentore avesse violato le più elementari regole di prudenza esponendo la sua arma con le munizioni nella sua stanza. Avrebbe dovuto limitarne l'accesso, considerato che nell'appartamento viveva con altri due giovani.

I giudici federali hanno invece rifiutato di seguire la tesi del ricorrente, che invocava l'interruzione del nesso di causalità. Il proprietario dell'arma riteneva che le sue manchevolezze fossero di secondaria importanza rispetto al comportamento dell'amico, che aveva effettuato il movimento di carica, tolto la sicura, puntato contro la vittima e azionato il grilletto senza aver controllato che l'arma fosse scarica.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Manifestazioni contro il razzismo in diverse città svizzere, in 5'000 a Basilea
La polizia non è intervenuta, ma ha distribuito volantini con le direttive sanitarie
SVIZZERA
14 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
14 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
14 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
16 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
18 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
1 gior
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
1 gior
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile