keystone
GINEVRA
31.05.18 - 12:020

Uccise un giovane con un colpo accidentale, condannato il detentore di un Fass 90

Il ricorrente aveva conservato il fucile appendendolo al muro di casa. Carico. Un amico l'aveva preso facendo partire il colpo

GINEVRA - Il Tribunale federale (TF) ha confermato la condanna per omicidio colposo pronunciata nei confronti di un ginevrino detentore di un fucile d'assalto che, manipolato da un amico, uccise una terza persona.

Il ricorrente aveva conservato il suo Fass 90 dopo il servizio militare, appendendolo al muro della sua stanza con inserito il caricatore in cui c'erano sette cartucce. Nell'agosto 2015, in sua assenza, l'amico aveva preso l'arma per mostrarla a conoscenti: era partito un colpo, letale per uno dei giovani presenti.

Nel gennaio 2017 il proprietario del fucile era stato condannato a 360 aliquote giornaliere di 20 franchi, mentre all'amico erano stati inflitti 18 mesi di prigione. Entrambe le pene - sospese con la condizionale - erano state convalidate nell'ottobre dello stesso anno dal tribunale cantonale. Il detentore del Fass 90 - solo lui - aveva poi fatto ricorso a Losanna.

In una sentenza pubblicata oggi il TF ha confermato la sentenza cantonale. I giudici hanno ricordato che in base alla legislazione civile chi possiede un'arma deve conservarla con attenzione e garantire che non sia accessibile a terzi.

Inoltre le normative militari prevedano che la culatta di un fucile come il Fass 90 sia tenuta separata dal resto dell'arma. È perdipiù naturalmente vietato portare a casa cartucce non sparate durante il servizio militare, come aveva fatto il ricorrente.

Viste le circostanze, il TF ha ritenuto che i tribunali ginevrini fossero legittimati a ritenere che il detentore avesse violato le più elementari regole di prudenza esponendo la sua arma con le munizioni nella sua stanza. Avrebbe dovuto limitarne l'accesso, considerato che nell'appartamento viveva con altri due giovani.

I giudici federali hanno invece rifiutato di seguire la tesi del ricorrente, che invocava l'interruzione del nesso di causalità. Il proprietario dell'arma riteneva che le sue manchevolezze fossero di secondaria importanza rispetto al comportamento dell'amico, che aveva effettuato il movimento di carica, tolto la sicura, puntato contro la vittima e azionato il grilletto senza aver controllato che l'arma fosse scarica.

TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
11 ore
Minacce con il coltello e furti notturni, è paura in riva al lago
Diverse persone sono state derubate lo scorso mese nei pressi di un centro autogestito a Ginevra. La polizia al momento brancola nel buio
FRIBURGO
13 ore
Le donne sono considerate meno competenti degli uomini
Nessuna evoluzione in 50 anni nei campi considerati tipicamente maschili
BERNA
16 ore
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
SVIZZERA
17 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
SVIZZERA
19 ore
UBS: il piano di Ermotti è di rimanere in carica fino al 2021?
Completando così 10 anni da CEO. In 8 anni alla guida di Ubs il manager ha guadagnato come un ticinese in 1400 anni
SVIZZERA
20 ore
Prima disoccupati, poi precari
Una persona su due dopo la disoccupazione trova un impiego pagato peggio, a tempo parziale o su chiamata. Lo dicono i dati dell'UST
FOTO E VIDEO
SAN GALLO
21 ore
È morta la donna travolta dal Piranha dell’esercito
L’auto sulla quale si trova l’anziana si è scontrata con un blindato. Illesi invece i militari
SVIZZERA
22 ore
Se la ricerca di lavoro è lunga, ecco come farcela al meglio
Stando a uno studio recente della compagnia di recruting americana Randstad, il tempo medio di ricerca di un nuovo lavoro si attesta attorno ai 5 mesi
ZURIGO
22 ore
Guasto all'Eurocity: passeggeri evacuati e oltre 3 ore di ritardo
Il treno proveniente da Milano si è fermato poco prima delle 19.00 nei pressi di Sihlbrugg paralizzando la tratta ferroviaria tra Zugo e Thalwil
GRIGIONI
1 gior
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile