20 Minuten
ZURIGO
24.02.18 - 13:180
Aggiornamento : 15:57

Omicidio-suicidio a Zurigo. «Per lei la relazione era finita»

La vittima e il suo aggressore erano marito e moglie

ZURIGO - È accaduto in pieno giorno nella Europaallee, a due passi dalla stazione centrale di Zurigo. Alle 14.30 sono stati uditi degli spari di fronte a una filiale UBS. La polizia accorsa ha trovato un uomo morto e una donna gravemente ferita, deceduta poco dopo sul posto. Testimoni oculari hanno indicato che l'uomo ha sparato deliberatamente più volte alla donna e quindi ha rivolto l’arma contro se stesso.

«Si stavano lasciando» - La vittima è una 35enne, come ha saputo da diverse fonti 20 Minuti. Lavorava per UBS dal 1998. IR*, viveva con i suoi due figli in un appartamento in un sobborgo di Zurigo.

La donna era sposata con il suo aggressore, DN*, di 38 anni, da quasi sette anni, ma la relazione non andava bene. I vicini riferiscono di molte discussioni. «Prima di Natale lui si è trasferito e da allora avrebbe vissuto con i colleghi», ha spiegato un vicino che conosceva la coppia da diversi anni. «Lei mi ha detto che voleva porre fine alla relazione per sempre».

«Problemi a vivere in Svizzera» - Il vicino descrive l’uomo come un uomo premuroso. «Ha amato molto sua moglie e i suoi figli, ma era cambiato negli ultimi mesi, sempre più isolato e depresso. Ha avuto problemi a rimanere a vivere in Svizzera e voleva tornare in Italia. Ma sua moglie aveva voluto restare qui con i bambini».

I vicini non riescono a capacitarsi di quanto è accaduto. «Tutto questo è così surreale e incredibile. Siamo sotto shock», ha concluso un altro vicino.

In Italia per qualche giorno - Tutti e due erano originari del Sud Italia, di Supersano lui, di Ruffano lei, in provincia di Lecce. Come riporta lagazzettadelmezzogiorno.it, sembra che l’uomo avesse trascorso gli ultimi giorni proprio nel suo paese d'origine e che proprio il giorno prima della tragedia fosse ripartito per la Svizzera.

* Nomi noti alla redazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
"Questo virus non scomparirà più dalla nostra vita"
Gli esperti hanno evidenziato strategie e obiettivi della tracciabilità del virus. Obiettivo: Scoprire ogni singolo caso
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
3 ore
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
5 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
5 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
5 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
7 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
8 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
8 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
9 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile