20 Minuten/CT
BERNA
08.02.18 - 20:310
Aggiornamento : 09.02.18 - 07:32

Mamma in fuga partorisce in Svizzera e le tolgono il bebè

La donna era stata giudicata inabile ad allevarlo da un tribunale tedesco, sperava che in Svizzera le cose sarebbero potute andare diversamente

BERNA - «Voglio solo tenere il mio bambino tra le braccia», è questa la richiesta di Simone S.* , madre tedesca 20enne che ha dato alla luce con un cesareo il suo piccolo all'Inselspital di Berna venerdì scorso. Il bebè le è pero immediatamente stato tolto e di lui ora ha solamente una fotografia: «Ma non so nemmeno se è lui, potrebbe anche essere un altro».

Alla base della vicenda c'è la decisione di un tribunale tedesco che ha deciso che la giovane – affetta dalla sindrome di Jacobsen che ne inficia le facoltà mentali – non è in grado di prendersi cura e allevare il bambino. A influire anche il fatto che Simone fosse parzialmente senza fissa dimora durante la gravidanza. 

Lei, completamente in disaccordo con il tribunale, ha così intrapreso una fuga disperata per far nascere il piccolo in Svizzera ed evitare che le venisse tolto: «Speravo che le autorità avrebbero fatto chiarezza sulla mia situazione. Speravo di poter tenere mio figlio», ha spiegato.

Ma così non è stato: questo perché le autorità tedesche hanno informato quelle svizzere sulla situazione. Seguendo la Convenzione dell'Aja sulla sottrazione di minori la Svizzera è stata obbligata a procedere, senza la possibilità di effettuare una sua valutazione sul caso. A occuparsi della presa in consegna del neonato sono state le Autorità regionali di protezione (Kesb) di Berna.

Ma non si è forse un po' esagerato? «Anche le mamme con un background, diciamo così, difficile hanno i loro diritti», spiega a 20 Minuten una ginecologa ospedaliera che ha preferito rimanere anonima. Secondo lei il fatto che a Simone non sia nemmeno stato fatto vedere il neonato è decisamente un'eccezione: «Deve essere successo qualcosa, magari ha dato in escandescenze e ha minacciato il bebè». 

*nome noto alla redazione

TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
10 ore
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
11 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
SVIZZERA
15 ore
Il presidente del PS si mette in quarantena
Christian Levrat ha precauzionalmente annullato tutti i suoi impegni in attesa del risultato del test.
SVIZZERA
16 ore
Sarebbe stata la figlia a sparare e uccidere il padre
Ricostruita la dinamica della violenta lite di ieri: la ragazza è stata arrestata
SVIZZERA
16 ore
Clorato nel filetto di pangasio vietnamita surgelato, richiami in tutta la Svizzera
Il provvedimento riguarda anche un punto vendita ticinese
SVIZZERA
17 ore
Nuove raccomandazioni per i bambini sotto i 12 anni
L'UFSP ha pubblicato nuove direttive. In caso di positività al test, la procedura sarà la stessa usata per gli adulti
ZURIGO
18 ore
Cade dalla finestra di un bordello e muore
I motivi della caduta al momento non sono chiari. Ma non è la prima volta che succede.
SVIZZERA
18 ore
Gestione patrimoniale: +16,5% nel 2019
Il ramo, che in Svizzera dà lavoro a quasi 10'000 persone, ha generato un fatturato complessivo di circa 13,85 miliardi.
SVIZZERA
19 ore
La Liguria ora è zona rossa
L'UFSP ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni a rischio.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile