ZURIGO
22.11.17 - 09:320

Imam alla sbarra per un appello al martirio

Un leader religioso 25enne è accusato di aver chiesto l'uccisione di musulmani non praticanti in un sermone tenuto il 21 ottobre 2016

WINTERTHUR - Si apre domani, a Winterthur, il processo contro l'imam etiope della moschea An'Nur, accusato di aver invitato i suo fedeli al martirio. Il Ministero pubblico chiede una pena sospesa di 18 mesi e l'espulsione dalla Svizzera per 15 anni.

L'imam, 25 anni, è accusato di aver chiesto l'uccisione di musulmani non praticanti durante un sermone tenuto alla Moschea An'Nur, a Winterthur, il 21 ottobre 2016. Il predicatore è stato arrestato il 2 novembre 2016. È in detenzione preventiva dal 4 novembre 2016. Da allora la moschea di An'Nur è chiusa.

Il Ministero pubblico accusa l'imam di aver pubblicato brutali rappresentazioni di omicidi su Facebook e di averle messe a disposizione di altre persone. L'Etiope è infine accusato di aver lavorato per quattro settimane senza avere le necessarie autorizzazioni, quindi di aver violato la legge sugli stranieri.

Blitz della polizia - Altre tre persone sono state arrestate durante il raid della polizia nella moschea, il 2 novembre 2016. Il presidente dell'associazione che sovrintende il luogo di culto è stato rilasciato lo stesso giorno, mentre un membro dell'associazione è tornato in libertà il giorno seguente.

Un membro della direzione dell'associazione è rimasto in custodia cautelare fino al dicembre 2016.

La comunità religiosa An'Nur ha cessato le sue attività e, lo scorso maggio, ha annunciato il suo disfacimento. La società immobiliare che aveva affittato i locali occupati dalla moschea ha rifiutato di concedere nuovamente i locali in affitto alla comunità religiosa.

Sospetto jihadismo - La moschea in questione è balzata più volte agli onori della cronaca. L'associazione che vi gravitava attorno è sospettata di essere coinvolta nel reclutamento di jihadisti da mandare in Siria.

Lo scorso marzo, il Tribunale federale ha confermato la condanna a 18 mesi sospesi per un jihadista arrestato nel 2015 che voleva entrare a far parte dell'Isis. L'uomo in questione, secondo il TF, era stato salutato quattro giorni prima, davanti alla moschea An'Nur, da tutte le persone che avevano lasciato l'edificio.

Arresti - Lo scorso febbraio nove persone, tra cui un adolescente di 17 anni, sono state arrestate per aver aggredito, picchiato e rapito due persone nella moschea An'Nur il 22 novembre 2016. I nove avrebbero anche minacciato di morte le famiglie dei due aggrediti, probabilmente ritenuti colpevoli di aver fornito ai giornalisti informazioni sull'Imam etiope.

TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
14 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
BERNA
17 ore
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
20 ore
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
ZURIGO
20 ore
BNS, gli averi a vista salgono ancora
Si tratta del sesto incremento consecutivo
ZURIGO
21 ore
Dopo la panne, Swisscom gli offre 1'000 franchi di danni
I recenti guasti si sono conclusi con un indennizzo per un imprenditore. L'operatore: «Solo un gesto di cortesia»
FOTO
VALLESE
1 gior
Cinquant'anni fa la valanga su Reckingen, morirono 30 persone
La neve spazzò case e accantonamenti militari nel piccolo villaggio dell'Alto Vallese
BERNA
1 gior
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
1 gior
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
1 gior
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile