SAN GALLO
13.10.17 - 11:420
Aggiornamento : 14.10.17 - 22:14

Il vicino simpatico era il ladro che le entrava in casa

Una videocamera lo ha incastrato: entrava in casa della vicina e rubava i soldi che trovava in giro

SAN GALLO - Aveva lasciato alcune centinaia di franchi sul tavolo della cucina. Si era assentata per un po’ e quando era rientrata i soldi erano spariti. La protagonista è un’impiegata bancaria di 48 anni del Canton San Gallo che in diverse occasioni si è vista sparire i soldi in casa. Inizialmente ha iniziato a sospettare del figlio di due anni. Magari qualche scherzo del piccolo. Ha messo sotto sopra la stanza del bambino. Ha rovistato tra i sacchi della spazzatura. I soldi però non sono mai spuntati.

Una settimana dopo ha venduto il suo acquario per 600 franchi. Questa volta i soldi li ha posati su un armadio, in alto. Lì il bambino non poteva certo prenderli. Puntualmente le banconote sono sparite. «A quel punto era chiaro che qualcuno era entrato nel mio appartamento» racconta la donna ai colleghi di 20 Minuten.

Eppure, stranamente, non c’erano segni di scasso sulla porta. Nè le finestre erano state forzate. Nemmeno il cane, di taglia grande, aveva intimorito il ladro. Ha avuto dunque il sospetto che potesse centrare il suo vicino di casa, quel ragazzo “così tanto simpatico”. «Abbiamo sempre avuto un rapporto cordiale, ci siamo spesso fermati a parlare sull’uscio di casa». La donna ha dunque installato due telecamere nascoste. «Se fossi andata in polizia e gli agenti fossero venuti in casa si sarebbe potuto insospettire e a quel punto avrebbe cambiato il suo comportamento» ha raccontato la donna, che ha così preferito agire da sola. E ha fatto bene, perchè le registrazioni hanno dato conferma ai suoi sospetti.

Nelle immagini del video ha potuto così constatare che il suo vicino, un 37enne, le entrava regolarmente in casa e andava alla ricerca di soldi. Immediata è scattata la denuncia. Il vicino è stato condannato a pagare una multa di 1000 franchi. L’uomo, dal canto suo, si è giustificato spiegando che aveva bisogno di soldi, aveva perso il lavoro, e si ritrovava in ristrettezze economiche.

«Quando tutto è venuto alla luce ho capito molte cose, e mi sono ricordata che probabilmente il mio cellulare - che credevo aver perso - è in realtà rubato dal mio vicino, ma su questo non ho prove concrete». Resta tuttavia un mistero su come abbia potuto il ragazzo entrare nell’appartamento della donna senza lasciare segni di scasso. A quanto pare ha aperto la porta d’ingresso sfruttando un foro sul vetro. Un buco che esisteva da tempo e che non era mai stato coperto.

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
DfG 2 anni fa su tio
Forse si tratta di una legge anti razzismo.
Frankeat 2 anni fa su tio
Non capisco perché offuscare il visto. Se capitasse a me pubblicherei il video senza problemi, perché tanto si tratta di un filmato di casa mia.
Frankeat 2 anni fa su tio
@Frankeat *il viso
Mattiatr 2 anni fa su tio
@Frankeat Anche se casa tua potresti avere rogne perché non hai chiesto il permesso. Cosi vai sul sicuro. Mi sembra proprio giusto che io debba chiedere il permesso per pubblicare un video nella quale mi derubano
ziopecora 2 anni fa su tio
@Frankeat problema............................soluzione riempire di botte il ladro, al punto che il suo viso non sia più riconoscibile. Quindi non vi è più necessità alcuna di ricorrere ad oscuramenti della gamella.
Frankeat 2 anni fa su tio
@Mattiatr No, no il permesso lo chiederei. Conoscono il mio indirizzo email e mi manderei un messaggio chiedendo il permesso di filmare in casa mia e mi risponderei positivamente.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
5 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
6 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
11 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
11 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
13 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
13 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
14 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
15 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile