ARGOVIA
10.10.17 - 21:290

Un video shock scuote la Svizzera tedesca: «Morirai come Sabrina»

Un’adolescente di Spreintenbach (AG) si è suicidata a fine agosto. Il giudice dei minori ha aperto un’inchiesta dopo la diffusione di nuove minacce tramite internet

AARAU - Un video particolarmente scioccante si sta diffondendo a macchia d’olio nei cellulari dei giovani svizzeri tedeschi. Nella registrazione si sente Adriana* - una ragazzina di Dietikon (ZH) - pronunciare parole al vetriolo. «Piccola p*****a, ti troveremo. Morirai come Sabrina». La minaccia online - come riferito dall’Aargauer Zeitung - nella giornata di ieri era già stata vista 8’500 volte e commentata da più di 100 persone. Al momento non è chiaro a chi sia rivolta, ma il nome Sabrina riporta alla mente una storia dolorosa che ha scosso il Canton Argovia nel mese di agosto.

Vittima di mobbing - La storia di una ragazzina argoviese di 13 anni che si era tolta la vita a  Spreitenbach una quarantina di giorni fa. E Adriana e Sabrina - secondo la Schweiz am Sonntag - si conoscevano. Un’amica della suicida inizialmente non riusciva a capacitarsi del gesto compiuto dalla giovane. «Era una ragazza allegra e simpatica. Ci siamo chiesti tutti perché avesse deciso di togliersi la vita. Poi siamo venuti a conoscenza che era vittima di mobbing».

Gelosia - Le ricerche condotte da 20 Minuten mostrano una storia complicata e complessa. Secondo vari amici di Sabrina e Adriana, tutto era iniziato a causa della gelosia. «Sabrina si era innamorata di un ragazzo. Un amore che non era andato giù a Adriana, che aveva iniziato a minacciarla». Sabrina sarebbe stata vittima di mobbing per diverso tempo. Ma non è chiaro se questo sia stato il fattore scatenante che ha portato la tredicenne a suicidarsi.

Nuove minacce - I famigliari di Adriana spiegano che la giovane si è fatta ricoverare in clinica dopo la morte di Sabrina. «Si sentiva colpevole». La cosa più inquietante è che il video in cui la giovane minacciava un’altra ragazza è stato girato quando lei si trovava già in cura. Il giudice dei minori di Limattal / Albis conferma che è stata aperta un’inchiesta contro un’adolescente per minacce, senza fornire ulteriori informazioni.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
12 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
13 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
13 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
15 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
16 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
16 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
17 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
18 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
SVIZZERA
19 ore
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile