Keystone
LUCERNA
09.08.17 - 10:240
Aggiornamento : 11:28

Prima un diverbio, poi l'investimento di tre persone

Emergono nuovi particolari in merito all'incidente avvenuto lo scorso weekend a Lucerna, in cui è morto un 44enne polacco

LUCERNA - Emergono nuovi particolari su quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica a Lucerna quando un automobilista ha investito tre uomini polacchi uccidendo un 44enne e ferendone un secondo. Prima dell'incidente c'è stato un alterco tra il conducente e i pedoni, indica oggi in una nota la polizia cantonale lucernese.

Le tre persone investite erano attive nel commercio di auto. Il più vecchio, un 44enne, è morto sul posto mentre un secondo ha riportato ferite gravi. Il terzo è invece illeso. Il conducente, un 24enne con la doppia nazionalità svizzera e croata, e il passeggero, un 27enne croato, si trovano ora in detenzione preventiva.

Non è ancora chiaro se si tratti di un incidente oppure di un atto mirato. L'esatto svolgimento dei fatti non è ancora stato stabilito e le indagini sono in corso, ha riferito all'ats il portavoce della polizia cantonale lucernese Urs Wigger.

Stando alle informazioni raccolte dalla polizia i tre polacchi, visibilmente ubriachi, si dirigevano a piedi nei pressi di un ex inceneritore quando si sono imbattuti negli altri due e ne è nato un aspro diverbio. Cosa sia successo nel corso della disputa non è ancora chiaro, ha indicato Wigger, precisando che sono in corso delle valutazioni per stabilire se anche il conducente fosse sotto l'effetto di droghe o alcol.

I tre uomini al termine dell'alterco si sono allontanati, ma il conducente 24enne li ha investiti con l'auto poco lontano. Dopo la collisione, avvenuta alle 02.15 di sabato notte, la polizia ha lanciato una caccia all'uomo e nel pomeriggio di domenica le forze dell'ordine hanno trovato la sospetta BMW color argento in un agglomerato nei pressi di Lucerna. Dopo un controllo è stato accertato che si trattava dell'automobile incriminata, si legge nella nota.

I due uomini sono così stati arrestati e il 24enne ha confessato di essere stato alla guida al momento dell'incidente. All'uomo è stato ritirata la licenza di condurre.

Per quanto riguarda l'identificazione, i rilevamenti sul luogo dell'incidente e sull'auto in questione le autorità lucernesi si sono affidate all'Istituto forense della polizia cantonale di Zurigo e all'Istituto di medicina legale del canton Zurigo. L'esatta dinamica dei fatti non è ancora chiara e le valutazioni del caso potrebbero richiedere ancora molto tempo, indica la nota della polizia lucernese.

TOP NEWS Svizzera
AUSTRALIA
1 ora
Ci sono 28 svizzeri a bordo della crociera contagiata in Australia
La Artania, che per giorni non ha potuto attraccare a causa del coronavirus. Previsti presto voli di rimpatrio
SVIZZERA
5 ore
«Non è il momento per andare a fare la spesa all'estero»
A Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con diversi rappresentanti della Confederazione.
BERNA
5 ore
Maurer: «Potrebbe essere necessario stanziare nuovi fondi»
«È necessario trovare un equilibrio tra economia e banche»
BERNA
5 ore
Coronavirus, più di 13'000 persone positive
I decessi ammontano a 235. I dati sono stati comunicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
9 ore
Koch: «Non c'è penuria di mascherine»
Al momento la Confederazione dispone di circa 17 milioni di maschere protettive
BERNA
10 ore
Berset: «Stiamo correndo una maratona, non i 100 metri»
«Gli esperti sostengono che il virus rimarrà. Dobbiamo ascoltarli. Occorre sviluppare un vaccino».
BERNA
10 ore
Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»
«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»
BERNA
19 ore
Uomo uccide l'ex figliastra con cui ha avuto quattro figli
A raccontarlo è la «sorellastra» della vittima: «Mio padre ha già due donne sulla coscienza».
ZURIGO
22 ore
Penuria di personale negli ospedali: c'è la piattaforma
Si chiama Care Now Platform e serve a dislocare i professionisti della sanità a seconda del bisogno.
BERNA
1 gior
La Posta dice stop ai pacchi ingombranti
Per l'invio di divani, mobili, biciclette sono necessarie più persone. Impossibile garantire il "distanziamento sociale"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile