Keystone
APPENZELLO ESTERNO
27.06.17 - 14:140

Assoldò picchiatori contro il vicino, pena ridotta

Il contadino 62enne nel 2010 pagò tre serbi per dare una lezione al rivale, autodenunciandosi quando questi chiesero lui altri soldi

TROGEN - Il Tribunale superiore di Appenzello esterno ha ridotto a 20 mesi di detenzione con la condizionale la pena inflitta in primo grado a un contadino che nel 2010 aveva chiesto a tre uomini di dare una lezione al vicino di fattoria. I tre avevano calcato la mano e avevano massacrato quest'ultimo di botte.

Nel giugno 2015 il Tribunale cantonale aveva inflitto all'imputato oggi 62enne 30 mesi di carcere di cui 12 da scontare per istigazione all'aggressione, alle lesioni semplici e alla violazione di domicilio. Il Tribunale superiore, nella sentenza d'appello pubblicata oggi, conferma questi reati ma riduce fortemente la pena.

Due dei suoi complici, rigiudicati insieme a lui, sono stati condannati entrambi a due anni con la condizionale. Per uno di loro la pena inflitta in primo grado è stata ridotta, per l'altro è stata mantenuta. I due avevano fatto da intermediari con i tre picchiatori, che sono stati condannati nel 2012 a pene tra i 18 mesi e i quattro anni di carcere.

I fatti risalgono all'8 giugno del 2010. I tre aggressori, di nazionalità serba, la mattina presto si erano nascosti nella stalla del vicino, aspettando che venisse a mungere la mucche. Due di loro avevano pestato l'agricoltore, allora 34enne, a pugni, pedate e con un bastone ad estremità metallica, causandogli una lesione cerebrale, la rottura del setto nasale, la frattura multipla di una mano e contusioni su tutto il corpo: l'uomo ha trascorso vari giorni in cure intensive e ha dovuto essere operato più volte. Il terzo complice aveva fatto da palo.

Il mandante del pestaggio, che da allora è andato volontariamente in psicoterapia ed è diventato padre di due bambini, ha pagato in totale 17'500 franchi ai tre esecutori. Siccome i tre serbi ne pretendevano altri 30'000, è andato dalla polizia per denunciare sé stesso e i suoi complici. Durante la consegna del denaro la polizia ha proceduto agli arresti. Il contadino si è poi giustificato in tribunale affermando di aver voluto dare una lezione al vicino, con il quale era in lite da anni e che a suo dire avrebbe tentato di avvelenargli le mucche.

Nella sua sentenza il Tribunale superiore constata errori procedurali e nell'infliggere la pena ha seguito anche una nuova prassi del Tribunale federale, ha precisato all'ats la cancelliera del tribunale.

TOP NEWS Svizzera
BASILEA /THAILANDIA
5 ore

Pedofilo basilese viene graziato dal Re thailandese e si volatilizza

L'uomo era stato condannato a 5 anni e 11 mesi di carcere. Ma la grazia ricevuta nel Paese asiatico, in cui vive da 20 anni, non è valida in Svizzera

GRIGIONI
7 ore

Tragico incidente: muore motociclista 19enne "con la L"

Il ragazzo è caduto mentre affrontava una curva, andando a schiantarsi con violenza contro la barriera di sicurezza

TURGOVIA
8 ore

Si scontra con il furgone e muore

La vittima è un 87enne. Avrebbe svoltato su una strada laterale senza dare la precedenza

SVIZZERA
11 ore

Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra

Migliaia di campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale sembrano essere scomparsi. Sul caso indaga l'Ufficio federale della sanità pubblica

FRIBURGO
12 ore

Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti

Una donna di 71 anni si è scontrata contro un veicolo dell'assistenza stradale che si trovava sulla corsia d'emergenza per prestare soccorso ad un'auto in panne.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile