ZURIGO
24.04.17 - 13:500
Aggiornamento : 16:41

Culturista minacciato su Facebook poco prima della sua morte

Il bodybuilder è morto in seguito a una caduta da una finestra. 20 Minuten è venuto in possesso dei messaggi scambiati su Facebook poco prima della morte

ZURIGO - «Hei, b*** *** ****! Mi devi ancora dei soldi!» Sono queste le prime parole del messaggio inviato via Facebook a S.H. solo tre giorni prima della sua morte. L’uomo di 33 anni, un culturista conosciuto nell’ambiente, è deceduto lo scorso 10 marzo dopo essere caduto dalla finestra di un postribolo.  «Vuoi che pubblichi le foto che il mio detective privato ti ha fatto? Sei un cocainomane! Non toccare le mie p******. E nessuno entrerà nel tuo centro fitness! O vuoi ritrovarti con una spalla in frantumi?» continua il messaggio.

Escluso l’intervento di una terza persona - Alla domanda se lo sportivo fosse stato spinto dalla finestra, la portavoce del Ministero pubblico zurighese, Corinne Bouvard, risponde: «Escludiamo l’intervento di una terza persona». Ma resta il fatto che le cause della morte, dopo sei settimane, non sono ancora state chiarite.

Come riporta 20 Minuten, non si sa ancora se si sia trattato di suicidio o di un incidente.

Problemi di soldi - Le minacce sul social network lasciano supporre che S.H avesse problemi di debiti. Diverse persone, che hanno preferito rimanere anonimi, hanno confidato ai nostri colleghi di 20 Minuten che il culturista rivendeva steroidi in grande quantità e che sperperava i suoi guadagni in prostitute e cocaina.

Un amico del trentenne ha raccontato che il culturista aveva un sogno: aprire per il mese di aprile un centro fitness a Seebach. «Ma i suoi partner ne hanno approfittato. Tutto quello che voleva era approfittare del nome che si era fatto nel mondo del bodybuilding e del culturismo».

I contratti, che 20 Minuten è riuscito a procurarsi, mostrano che S.H. ha preso in prestito più volte grosse somme di denaro da un certo M.* per fondare la sua impresa. Avrebbe addirittura raggiunto una cifra superiore al mezzo milione di franchi, soprattutto per l’acquisto di macchine da fitness.

«Ho deluso tutti» - Se all’inizio S.H. era il fondatore e il capo del centro fitness, alla fine si è ritrovato ad essere solo il gerente con uno stipendio da 3’500 franchi. Poco prima della sua morte, avrebbe detto a sua moglie: «Devo partire, non ce la faccio più. Ho deluso tutti». Malgrado ciò, la moglie non crede alla pista del suicidio: «Sono stati i suoi “amici” a portarlo alla morte. Lo hanno reso più docile con la cocaina, poi hanno approfittato di lui e alla fine lo hanno lasciato cadere».

Nonostante la morte di S.H., il centro fitness aprirà a breve. La domanda del permesso di costruzione, depositata dall’azienda del culturista, è stata pubblicata mercoledì nel foglio ufficiale della città di Zurigo.

Uno sguardo più approfondito ha permesso di notare che il nome dell’azienda è cambiato in “Sportclub Swissness”. Tre giorni dopo la morte dello sportivo, un nuovo presidente, P.*, è stato registrato come numero uno nel consiglio di amministrazione. Poco dopo anche una seconda persona, S.*, è stata aggiunta. I due uomini facevano già parte del progetto iniziale di S.H.

20 Minuten ha contattato P. e S. per un incontro. Dopo aver inizialmente accettato di incontrare i nostri colleghi, i due non hanno più risposto ai messaggi.

*Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / BIELORUSSIA
1 ora
Sangallese a Minsk scrive all'amica: «Sono stata arrestata!»
La donna è riuscita anche ad inviare un video in cui si sentono i lamenti delle altre prigioniere
SVIZZERA / ITALIA
4 ore
Liguria contro la quarantena svizzera, ma Berna non molla
La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio
SVIZZERA / BIELORUSSIA
5 ore
Anche una svizzera tra le donne arrestate a Minsk
Sarebbe tra le 300 donne fermate durante l'azione di protesta contro Lukashenko sabato scorso
GRIGIONI
6 ore
Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato
La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Record di neve in Vallese, diversi incidenti nei Grigioni
A Montana sono stati misurati 25 centimetri di manto fresco, a Davos quasi 30
FRIBURGO
17 ore
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
18 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
SVIZZERA
22 ore
Il presidente del PS si mette in quarantena
Christian Levrat ha precauzionalmente annullato tutti i suoi impegni in attesa del risultato del test.
SVIZZERA
23 ore
Sarebbe stata la figlia a sparare e uccidere il padre
Ricostruita la dinamica della violenta lite di ieri: la ragazza è stata arrestata
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile