NIDVALDO
09.01.17 - 15:230

Collisione mortale fra minibus e treno nel 2014: fu errore umano

L'autista del minibus non si sarebbe accorto dell'arrivo del treno

WOLFENSCHIESSEN - La collisione fra un minibus e un treno che nell'agosto del 2014 aveva causato tre morti a Wolfenschiessen (NW) è stata provocata da un errore umano. Lo ha stabilito l'indagine realizzata dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI), resa nota oggi.

Secondo le conclusioni del SISI, giunto nei pressi di un passaggio a livello l'autista del minibus, il quale non conosceva bene la regione, non si sarebbe accorto del treno che si stava avvicinando.

Il SISI non ha per contro rilevato alcun guasto tecnico sui due mezzi di trasporto implicati nel sinistro e ha anche potuto accertare come il conducente del furgone non avesse bevuto o assunto sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida.

Non vi è stata invece alcuna responsabilità da parte del macchinista, che aveva correttamente segnalato acusticamente la propria presenza. I due veicoli circolavano parallelamente: una volta giunto al passaggio a livello però, il minibus ha svoltato, incrociando il percorso del treno, al quale non è bastato azionare il freno d'emergenza per evitare la collisione.

A bordo del minibus vi erano otto turisti israeliani, intenzionati a visitare una vicina cascata. Tre di essi avevano perso la vita nell'incidente, mentre gli altri cinque erano rimasti gravemente feriti.

Lo scontro era avvenuto circa 2,5 chilometri a sud della stazione di Wolfenschiessen. In quel punto, i binari della Zentralbahn - compagnia alla quale apparteneva il convoglio coinvolto - corrono a fianco della strada cantonale per Engelberg (OW), dalla quale se ne diramano diverse altre secondarie. Queste attraversano la ferrovia su passaggi a livello che all'epoca dei fatti erano equipaggiati solo con una croce di Sant'Andrea e dunque senza barriere. Attualmente invece, il luogo è sorvegliato.
 
 

TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Trovato nell'archivio federale un dossier disperso su Crypto
Il documento era stato riconsegnato e riposto inavvertitamente in un altro dossier e quindi collocato al posto sbagliato
BERNA
2 ore
La ginevrina con cittadinanza revocata non può entrare in Svizzera
I suoi legami passati con l'ISIS le hanno chiuso le poste anche del Principato del Liechtenstein
BERNA
3 ore
I bambini raccolgono fondi per il club, ma è un bluff
Sostenevano che i soldi sarebbero andati all'FC Köniz, ma la società era all'oscuro di tutto
SVIZZERA
5 ore
Opacità finanziaria, la Svizzera al terzo posto
Nonostante i progressi fatti, la piazza finanziaria elvetica continua a essere una delle meno trasparenti al mondo
BERNA
6 ore
«Ha sbattuto la testa facendo delle capriole»
Durante una conferenza stampa, i gestori della "Trampolinhalle" di Belp hanno spiegato la dinamica dell'incidente che ha portato alla morte una 13enne
VIDEO
BASILEA CITTÀ
8 ore
Si trasferisce e svuota il suo appartamento sul marciapiede
Una 35enne ha trovato un sistema "originale" per liberarsi d'immondizia e vecchi mobili. Ma ora dovrà pagare una multa salata
ARGOVIA
8 ore
Tragedia aerea di Muhen: «Pilota morto per un guasto al motore»
Il rapporto finale della SISI scagiona completamente il 70enne che nel settembre del 2015 si schiantò su un'auto
SVIZZERA
8 ore
Fusione Bombardier-Alstom, Stadler Rail e FFS sul chi vive
«È ancora troppo presto per commentare la notizia» dichiarano dalla sede del costruttore turgoviese
FOTO
ZURIGO
11 ore
Dalla spedizione merci spuntano 83 kg di marijuana
La sostanza, all'interno di 79 confezioni sottovuoto, proveniva da Johannesburg ed era diretta a Vienna
NEUCHÂTEL
12 ore
Coronavirus, la quarantena per il bambino finisce domani
Il ragazzino non ha sviluppato sintomi. Era entrato in contatto con una persona malata lo scorso 5 febbraio durante un corso di sci in Alta Savoia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile