URI
15.06.16 - 14:230
Aggiornamento : 16.06.16 - 14:01

Madre e figlia in tribunale per un lucchetto segato

L'anziana ha denunciato la figlia, in seguito condannata per violazione di domicilio e danneggiamento

ALTDORF - Una lite per un lucchetto segato tra una madre ottantenne e la figlia è finita in tribunale nel canton Uri. L'anziana donna, che a suo dire voleva soltanto liberare un gatto rimasto rinchiuso, è stata condannata per violazione di domicilio e danneggiamento. Il tribunale ha però rinunciato a infliggerle una pena.

La notizia, riferita oggi dalla "Neue Urner Zeitung" e ripresa da altri media, è stata confermata all'ats dal cancelliere del tribunale Philipp Arnold.

I fatti sono avvenuti nel luglio 2015 nella Meiental, la valle laterale che sale da Wassen al passo del Susten. L'ottantenne ha detto in aula di aver sentito miagolare un gatto dentro un ripostiglio di fattoria affittato dalla figlia. In assenza di quest'ultima, nell'intento di liberarlo, non ha esitato a segare il lucchetto della porta con una sega da metalli.

La figlia non ha apprezzato il gesto e ha denunciato la madre - i rapporti con la quale già non erano dei migliori - per violazione di domicilio e danneggiamento: il lucchetto valeva 50 franchi.

Nel processo tenutosi ieri, il tribunale distrettuale di Uri, che ha giurisdizione su tutto il cantone meno la Val d'Orsera, ha riconosciuto colpevole dei i reati in questione la pensionata, che si è difesa da sola. Ha tuttavia rinunciato ad infliggerle una pena viste le particolari circostanze e la scarsa entità del danno.

Il caso è giunto in tribunale perché l'80enne vedova aveva presentato ricorso contro il decreto d'accusa emesso da un procuratore. Questi le aveva inflitto una pena pecuniaria con la condizionale di 10 aliquote giornaliere da 50 franchi e una multa di 175 franchi, accollandole anche i costi giudiziari.

Il tribunale si è mostrato clemente e, oltre a rinunciare a una pena, ha condonato alla donna anche le spese giudiziarie di 1800 franchi, considerando i suoi scarsi mezzi finanziari. All'imputata finora incensurata è stata risparmiata inoltre un'iscrizione nel casellario giudiziale.

La sentenza non è però ancora esecutiva. Un ricorso non è da escludere.

TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
11 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
12 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
16 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
17 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
18 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
19 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
19 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
21 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile