ARGOVIA
14.07.15 - 14:520

La bambina "rapita" dalla nonna è in Messico

Le autorità del canton Argovia hanno messo in atto una sentenza del Tribunale federale

AARAU - È stata accompagnata ieri dalla mamma in Messico la bambina di nove anni che lo scorso aprile era stata "rapita" dalla nonna paterna, argoviese, e portata in Francia. Le autorità del canton Argovia hanno messo in pratica una sentenza del Tribunale federale (TF).

Il Dipartimento argoviese dell'interno ha fatto sapere oggi che prima di venire affidata alla madre, la bimba ha avuto modo di accomiatarsi dal padre, dagli altri conoscenti in Svizzera e dai compagni di scuola.

Con una decisione presa quattro giorni fa, i giudici di Losanna hanno confermato una sentenza emessa il 29 giugno scorso dal Tribunale d'appello del canton Argovia.

La vicenda della bimba era balzata agli onori della cronaca a fine maggio, quando le autorità giudiziarie francesi avevano rintracciato la nonna argoviese e la nipotina di 9 anni nel sud della Francia.

Le due erano ricercate a livello internazionale. Rientrata in Svizzera, la donna di 65 anni si era presentata spontaneamente alla polizia argoviese ed è stata posta in detenzione preventiva.

La bimba è nata e ha vissuto in Messico fino all'età di otto anni. I genitori si sono separati nell'ottobre 2013 e in base alla legge messicana hanno condiviso l'autorità parentale. La custodia della bimba è stata tuttavia affidata alla mamma che vive a La Paz.

Il padre è ritornato in Svizzera nel giugno 2014 per una vacanza, portando con sé la figlia, che da allora non è più ritornata dalla madre. Nel febbraio di quest'anno la mamma ha inoltrato una richiesta di restituzione della figlia.

In aprile il Tribunale federale aveva già ordinato il ritorno della bimba in Messico. La nonna l'aveva però portata in Francia, dove era stata rintracciata nel giro di una settimana. Sia la nonna che il padre della bimba sono al centro di procedure penali in Svizzera.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 min
La disoccupazione di lunga durata raddoppierà nel 2021
Secondo un esperto del mercato del lavoro a incidere negativamente sarà la crisi del coronavirus
BERNA
1 ora
Con il coronavirus è crollata la vendita di vino
Il motivo? I ridotti contatti sociali spingono a consumare meno alcool
ZURIGO
1 ora
Addio al sogno di una casa propria per i prezzi alle stelle
Le differenze tra 20 anni fa e oggi: ora ci si può permettere la metà dello spazio
BERNA
2 ore
L'Onu critica il progetto svizzero contro il terrorismo
La questione è se una detenzione preventiva sia conforme alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo
BERNA
4 ore
Berna assicura: i caccia costeranno meno del previsto
Armasuisse stima spese più basse anche di 6 miliardi rispetto a quanto calcolato dagli oppositori.
BERNA
5 ore
Coronavirus: l'effetto delle misure di contenimento fase per fase
Il Poli di Losanna ha studiato ciò che ha funzionato finora. Incognite sull'effetto della riapertura dei commerci.
BERNA
6 ore
Coronavirus: +17 casi in Svizzera
Non si registra alcun nuovo decesso legato al Covid-19.
BERNA
7 ore
Swisscom: «Ci saranno sempre dei guasti»
Il ceo sottolinea che ogni intervento sulla rete è come un cambio di ruote in corsa: «C'è sempre un rischio».
ARGOVIA
8 ore
Morta a 13 anni per cyber bullismo: la battaglia si fa politica
I genitori di Céline gettano la spugna a livello giuridico. Pronta però un'iniziativa parlamentare.
RUSSIA / SVIZZERA
9 ore
Navalny punta il dito contro la Svizzera
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile