SVIZZERA
07.03.14 - 11:500
Aggiornamento : 19.11.14 - 04:35

8 marzo, si punta su parità salariale e lotta alla violenza

Questi i temi chiave scelti per il 2014, e suggeriti dal movimento femminile svizzero ma non solo

BERNA - Confederazione, cantoni e comuni devono far rispettare la parità salariale quando assegnano dei mandati: è una delle rivendicazioni avanzate dal movimento femminile svizzero per l'8 marzo, giornata internazionale della donna.

 

Per questa ricorrenza la disparità in busta paga non è il tema scelto solo dalle donne del movimento sindacale, che organizzano anche quest'anno varie azioni in tutta la Svizzera. Anche il Business and Professional Women Svizzera (BPW Switzerland ) ha deciso di tematizzarlo.

 

In particolare questa organizzazione, che raggruppa circa 2500 donne provenienti da professioni e settori diversi, invita gli enti pubblici (Confederazione, comuni e cantoni) a imporre la parità salariale quando assegnano dei mandati, che complessivamente ammontano ogni anno a circa 34 miliardi di franchi. Ciò rappresenta l'8% del Prodotto interno lordo, rileva BPW Svizzera.

 

Secondo l'ultimo rilevamento dell'Ufficio federale di statistica (UST), nel 2010 la disparità in busta paga tra i sessi era del 18,4%. Concretamente ciò significa che le donne in Svizzera "devono lavorare sino al 7 di marzo per ricevere lo stesso salario che gli uomini avevano ottenuto sino alla fine di dicembre dell'anno precedente".

 

Lo scarto è ancora maggiore se un una donna è sposata. In questo caso la differenza con il collega di lavoro è del 31%, ha precisato ieri alla "Südostschweiz" la delegata grigionese delle pari opportunità, Silvia Hofmann.

 

Invece la situazione è meno grave (12,1%) per quanto riguarda Confederazione, cantoni e comuni, che possono fare di più quando assegnano dei mandati di lavoro.

 

"Per raggiungere la parità salariale negli appalti, l'ente pubblico dovrebbe chiedere alle imprese la prova che pagano salari uguali per un lavoro uguale", afferma la presidente di BPW-Svizzera, Monique Ryser.

 

La legge federale sugli acquisti pubblici e i relativi accordi tra i cantoni la prevedono, aggiunge, ma mancano i mezzi per farla applicare. Così "se una donna vuole ottenere nella sua impresa lo stesso salario dei suoi colleghi deve avviare una procedura. In questo modo rischia il suo posto e la carriera", conclude.

 

In occasione dell'8 marzo anche Terre des femmes, organizzazione impegnata contro le violazioni dei diritti umani delle donne e delle giovani, cerca di risvegliare l'interesse dell'opinione pubblica su specifici temi delle donne, con dei cupcakes. In particolare ha convinto 7 imprese (ne aveva contattate 20) nelle città di Basilea, Zurigo e Berna, a creare e distribuire "dolci" per sensibilizzare su ingiustizie subite dalle donne, in particolare le violenze.

 

Ats

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
PERÙ / SVIZZERA
1 ora

Uccide la compagna trascinandola con l'auto, svizzero in manette

Alcune scene sono state registrate da una videocamera di sorveglianza

SVIZZERA / CROAZIA
1 ora

Due giovani sopravvivono al terribile incidente

Sono stati estratti dai soccorritori dall’auto in fiamme. Si stavano recando in Serbia in vacanza

SVIZZERA
4 ore

«Cani e gatti compromettono il clima»

Per molte persone gli animali domestici sono indispensabili. Ma possono causare grosse emissioni di CO2

ZURIGO
12 ore

L’attivista denuncia: «Mi hanno fatta spogliare senza motivo»

Gli ambientalisti avevano bloccato le entrate di Credit Suisse a Zurigo e UBS a Basilea

SONDAGGIO
SAN GALLO
14 ore

Allatta alla Migros: la sicurezza minaccia di bandirla dal supermercato

Disavventura che lascia l'amaro in bocca per una giovane mamma a Wil. Il gigante arancione: «Allattare è permesso, ci scusiamo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile