BERNA
09.10.13 - 13:460
Aggiornamento : 25.10.14 - 00:01

La qualità dell'aria migliora, ma resta ancora da fare

Oltre il limite l'ozono, le polveri sottili e il diossido di azoto

BERNA - La qualità dell'aria è nettamente migliorata in Svizzera negli ultimi vent'anni. La maggior parte dei valori limite delle immissioni oggi sono rispettati: fanno eccezione l'ozono, le polveri sottili e il diossido d'azoto.

Stando al rapporto 2012 pubblicato oggi dalla Rete nazionale di osservazione degli inquinanti atmosferici (NABEL) la gran parte delle sostanze nocive vengono rilevate in quantità inferiori alla norma, in qualche caso anche largamente inferiori (è il caso per il diossido di zolfo, il monossido di carbonio e il piombo). La situazione per ozono, polveri fini e il diossido d'azoto è invece sì migliorata, ma i limiti sono ancora regolarmente superati.

Secondo il documento commissionato dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) rimane perciò indispensabile continuare ad applicare una politica coerente in materia di protezione dell'aria. Occorre in particolare intervenire per sfruttare al meglio tutte le possibilità tecniche volte a diminuire l'impatto di ognuna delle fonti di inquinamento.

ats

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 min
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
25 min
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
1 ora
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
2 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
2 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
3 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
4 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
4 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
6 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
18 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile