Immobili
Veicoli
Depositphotos (foto d'archivio)
In Ticino l'obbligo di indossare una mascherina è rimasto unicamente in vigore all'interno delle strutture sanitarie e sociosanitarie.
SVIZZERA
02.04.22 - 22:300
Aggiornamento : 03.04.22 - 09:50

Bentornata normalità. Ma a che punto sono i nostri vicini?

In Svizzera le misure anti-Covid sono alle spalle. Uno sguardo alle situazioni di Italia, Germania, Francia e Austria

LUGANO - Nei due anni che hanno segnato la fase più critica della pandemia ci siamo spesso ritrovati a osservare cosa facevano i nostri vicini. A volte abbiamo anticipato quelle decisioni poi prese anche da loro. Altre volte le abbiamo seguite, tra lockdown, test, mascherine e certificati vari. Il ritorno alla normalità, scattato venerdì, rientra nella prima categoria. Ma gli altri, restando in tema, a che punto sono?

In Italia, fine dello stato d'emergenza
Partiamo dai più vicini. In Italia venerdì è ufficialmente cessato lo stato d'emergenza e si sono allentate alcune misure. Restano in ogni caso in vigore sia il Green pass di base che il cosiddetto Super Green pass. Quest'ultimo resta necessario per cinema, teatri, concerti, palestre e piscine, mentre non è più richiesto per i ristoranti, i bar, i trasporti pubblici e per l'accesso a uffici pubblici e negozi. Fino al 30 aprile resta poi l'obbligo di indossare mascherine FFP2 sui mezzi pubblici e in diverse strutture per l'intrattenimento. Per quanto riguarda i contagi, l'isolamento è richiesto solamente alle persone positive mentre i contatti stretti possono optare per l’autosorveglianza.

In Germania, regole diverse nei Land
La situazione in Germania è eterogenea. Ogni Land si regola in base alla situazione epidemiologica. Ma in generale, i nostri vicini a nord hanno già eliminato la grande maggioranza delle misure mantenendo però un dispositivo di protezione di base. A livello nazionale viene mantenuto l'obbligo di isolamento per i positivi e l'obbligo di indossare una mascherina per i trasporti a lunga percorrenza. In molti Stati federati la mascherina resta un requisito anche sui mezzi pubblici locali e per accedere alle strutture sanitarie. È il caso ad esempio del Baden-Württemberg.

In Francia, isolamento più lungo per i non vaccinati
Le mascherine restano un requisito in Francia solamente sui trasporti pubblici e per accedere alle strutture di cura (che richiedono pure di esibire un certificato Covid). È invece stata modificata di recente la gestione dell'isolamento. Dal 21 marzo scorso infatti ai contatti stretti di un caso positivo non viene più richiesta la quarantena ma di attenersi a un attento regime di autosorveglianza, effettuando un test a 48 ore di distanza dal momento in cui si è stati a contatto con la persona infetta. Per i positivi invece sono previsti due regimi di isolamento: 7 giorni per i vaccinati e 10 per i non vaccinati, che possono essere ridotti rispettivamente a 5 e 7 giorni se non si hanno più sintomi e si è in possesso di un test antigenico negativo.

In Austria, la normalità è un po' più distante
L'Austria ha in vigore le regole più stringenti tra i nostri vicini. Nei luoghi al chiuso è obbligatorio indossare una mascherina FFP2. Quindi sui bus, nei treni, nei negozi e al ristorante (quando ovviamente non si è seduti al tavolo). La misura vale dai 14 anni in su. Dai 6 ai 12 anni è sufficiente una mascherina in stoffa. Sotto i 6 anni non c'è alcun obbligo. Più rigide sono le misure previste a Vienna, dove la regola del 2G è tuttora in vigore per il settore della ristorazione, i locali notturni e gli sport svolti all'interno. Resta inoltre l'obbligo di isolamento per i casi positivi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
3 ore
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
SVIZZERA
5 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
7 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
8 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
SVIZZERA
11 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
19 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
20 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
22 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
1 gior
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile