Immobili
Veicoli
reuters
Il ghiacciaio del Rodano sul passo della Furka
SVIZZERA
28.02.22 - 18:050

Intanto il clima cambia (anche in Svizzera)

Un nuovo rapporto del gruppo di ricerca Ipcc raccomanda una serie di misure da adottare urgentemente

ZURIGO - Il cambiamento climatico porterà a nuove misure e necessari adattamenti anche in Svizzera. Ne è convinto Christian Huggel, professore di geografia all'università di Zurigo e uno dei principali autori del rapporto, pubblicato oggi, del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC).

Circa 270 ricercatori di tutto il mondo, tra cui sei svizzeri, hanno esaminato più di 34.000 pubblicazioni scientifiche. Hanno elaborato le conseguenze del cambiamento climatico per gli esseri umani e la natura, identificando gli adattamenti necessari per consentire una vita degna di essere vissuta sul nostro pianeta in futuro. La pubblicazione "Cambiamento climatico 2022: impatti, adattamento e vulnerabilità" è la seconda parte del VI rapporto dell'IPCC che sarà completato entro quest'anno.

Gli esperti ritengono che la frequenza e la gravità degli eventi meteorologici estremi come le ondate di calore, le forti precipitazioni e la siccità siano destinate ad aumentare, anche in Svizzera.

Huggel, in un'intervista all'agenzia Keystone-ATS, ha spiegato che la svolta climatica non può più essere rinviata: "Nei prossimi dieci anni dovremo investire massicciamente se vogliamo evitare gravi danni", ha detto l'esperto, affermando che sia la Svizzera, sia il mondo intero sono in ritardo. "Se agissimo ora, risparmieremmo miliardi", mentre gli aggiustamenti retroattivi sarebbero molto più costosi, ha aggiunto.

Tra le misure citate dal professore zurighese per ridurre gli effetti delle ondate di calore nella Confederazione c'è il modo in cui le città e le infrastrutture sono pianificate e costruite, ad esempio tramite una maggior vegetalizzazione e più aree verdi.

Ma il reinsediamento, ha sottolineato, può anche diventare inevitabile in futuro a causa dell'aumento dei pericoli naturali in singoli luoghi nelle regioni di montagna, come è già stato discusso per Guttannen (BE), oppure per i villaggi di Brienz/Brinzauls e Bondo, entrambi nei Grigioni. Inoltre, con lo scioglimento dei ghiacciai sono necessari investimenti nella gestione sostenibile dell'acqua, in particolare in Vallese.

Secondo Thomas Bernauer del Politecnico federale di Zurigo (ETH), anch'esso uno degli autori principali del rapporto, le nuove infrastrutture non sono sufficienti, e la tecnologia da sola non risolverà il problema. L'adattamento al clima è "un compito per la società nel suo insieme, in cui le istituzioni politiche e sociali e l'impegno di tutti noi giocano un ruolo centrale", ha scritto il politologo in un post sul blog dell'ateneo.

In futuro anche la Svizzera potrebbe essere minacciata dall'abbandono di alpi e fattorie, ha spiegato la co-autrice Veruska Muccione dell'Università di Zurigo in una conferenza stampa dell'Accademia svizzera di scienze naturali (SCNAT). Ciò avrebbe un impatto negativo sui redditi agricoli, sul turismo e sui valori culturali ed estetici.

Attivisti per il clima chiedono misure - Le reazioni al rapporto non si sono fatte attendere: Greenpeace Svizzera, Swissaid e altre numerose organizzazioni - soprattutto ambientali - chiedono al Parlamento e al Consiglio federale di agire, con misure concrete e coordinate a più livelli. Tra queste, l'abbandono delle energie fossili e una revisione della legge sul CO2 per arrivare all'obiettivo delle zero emissioni entro il 2040.

L'organizzazione di aiuto allo sviluppo Helvetas sottolinea che le conseguenze a breve termine del riscaldamento globale "colpiscono in modo sproporzionato le persone più vulnerabili e più deboli". Invita inoltre i governi a "intraprendere azioni più ambiziose, multisettoriali e coordinate a livello globale".

"Di quanti altri rapporti hai bisogno?", chiede provocatoriamente al Consiglio federale il movimento elvetico Sciopero per il clima, denunciando l'inazione del governo e auspicando una "giustizia climatica".

Il Club Alpino Svizzero (CAS), dal canto suo, si dice fortemente interessato dagli effetti del cambiamento climatico nelle regioni di montagna. L'organizzazione è consapevole di contribuire in parte - in maniera negativa - al cambiamento climatico attraverso le sue attività, perciò il Comitato Centrale ha adottato una strategia che ha il chiaro obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 dell'intera associazione a un livello netto zero dal 2022 al 2040.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
47 min
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
9 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
10 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
11 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
16 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
SVIZZERA
17 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
18 ore
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
18 ore
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
ZURIGO
20 ore
Salvata dal lago, muore in ospedale
Non ce l'ha fatta l'anziana che martedì aveva perso i sensi nel corso di una nuotata al lido di Tiefenbrunnen.
SVIZZERA
22 ore
Tre tonnellate di oro di origine russa sotto la lente
Sono state importate in Svizzera dal Regno Unito lo scorso mese di maggio. Il valore è di 194 milioni di franchi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile