Immobili
Veicoli
20min/Carole Alkabes
SVIZZERA
30.01.22 - 22:000
Aggiornamento: 23:50

Trentasei franchi per un test rapido? «Sono troppi»

Secondo il consigliere nazionale Marcel Dobler, la tariffa rimborsata dallo Stato va rivista

E per quanto riguarda gli esami PCR, il responsabile di una catena di laboratori austriaci ritiene che anche per questi i prezzi elvetici siano troppo elevati

BERNA - Quando tra ottobre e dicembre 2021 gli asintomatici erano stati chiamati alla cassa per i test rapidi, i prezzi erano letteralmente crollati. Dalla tariffa di 47 franchi rimborsata dalla Confederazione erano scesi, in determinati casi, anche fino a 11 franchi.

Poi nella seconda metà di dicembre la situazione è di nuovo cambiata. Con l'inasprimento dei provvedimenti anti-coronavirus, la Confederazione ha infatti deciso di farsi nuovamente carico anche dei costi per i test rapidi. Da allora gli operatori - farmacie, studi medici, ospedali, centri di test privati - possono chiedere un rimborso massimo di 36 franchi.

Un rimborso massimo che viene fatturato dal 90% degli operatori, come di recente rilevato dalle assicurazioni Swica e CSS. E questo nonostante per un breve periodo i prezzi di mercato fossero ben più bassi. «La tariffa forfettaria per ogni test rapido è di almeno dieci franchi troppo alta» afferma pertanto il consigliere nazionale sangallese Marcel Dobler (PLR), dalle colonne della Schweiz am Sonntag.

Ogni giorno 150'000 franchi «di troppo» - Considerando che nella situazione epidemiologica attuale, in Svizzera vengono giornalmente effettuati tra i 15'000 e i 20'000 test rapidi, la Confederazione - sottolinea ancora il deputato - spende quotidianamente 150'000 franchi di troppo con i soldi dei contribuenti.

Eppure un paio di settimane fa in ambienti vicini al Consiglio federale si era parlato di una revisione della struttura tariffaria per i test. Una revisione che era stata richiesta anche da Mister Prezzi, Stefan Meierhans.

Questione di strategia - L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), interpellata dalla testata d'oltre San Gottardo, fa quindi sapere che l'entità del rimborso dipende dalla strategia di test, a sua volta correlata alla situazione epidemiologica. Insomma, attualmente è necessario che nel nostro paese la capacità di test resti elevata. Con una riduzione dell'importo forfettario, si correrebbe invece il rischio che determinati operatori rinuncino a fornire il servizio.

L'esempio austriaco: più veloce e conveniente

Anche per i test PCR la Confederazione starebbe spendendo troppo. Lo mostra un confronto che il Tages Anzeiger ha effettuato con la situazione austriaca. Nel paese confinante, che conta all'incirca lo stesso numero di abitanti della Svizzera, si testa infatti di più, ma i risultati arrivano più in fretta e gli esami costano meno.

Soltanto lo scorso mercoledì, in Austria sono stati per esempio effettuati 820'000 test PCR. Praticamente otto volte di più che in Svizzera. Un notevole quantitativo di analisi viene condotto dalla catena di laboratori Lifebrain. La sede di Vienna conta per esempio 1'600 collaboratori che ogni giorno effettuano all'incirca 450'000 esami.

Ma quanto viene fatturato allo Stato? Sei euro per ogni test PCR. In Svizzera per un test PCR effettuato su una persona sintomatica o a rischio, la Confederazione versa 88 franchi. Una tariffa che sarebbe dettata «dall'avidità dei laboratori elvetici» afferma Michael Havel, titolare di Lifebrain. Secondo lui, in Svizzera un test dovrebbe costare al massimo otto franchi. Una tariffa più elevata non sarebbe giustificata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 min
Muore per recuperare un aeromodello
Due gravi incidenti sulle montagne svizzere, questa domenica: a perdere la vita un 64enne ed una 75enne
SVIZZERA
39 min
Attenti alle spie russe
Sono attive soprattutto a Ginevra, nelle missioni diplomatiche. Il Sic: «La minaccia informatica è in aumento»
SVIZZERA
15 ore
Perse le tracce di un rifugiato su tre
Nello svolgimento di un sondaggio tra le famiglie di accoglienza, il Canton Berna non è riuscito a trovare 338 persone
BERNA
16 ore
Sotto esame le email cancellate del ricatto di Berset
L'intento è quello di stabilire le circostanze che hanno portato all'eliminazione di alcuni messaggi
SVIZZERA
20 ore
Libero scambio di farmaci
Gli Stati Uniti e la Svizzera stanno lavorando a un'intesa sul settore dei medicamenti
SVIZZERA
21 ore
Dalla Russia con astuzia
Le Dogane segnalano 18 sospette violazioni delle sanzioni contro Mosca, ai confini elvetici
SVIZZERA
23 ore
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
FOTO
SAN GALLO
1 gior
Auto pirata travolge due giovani
La vita di una 17enne è in pericolo, in gravi condizioni anche una 19enne
FOTO
LUCERNA
1 gior
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GRIGIONI
1 gior
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile